energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Dalla Provincia tre bandi per aiutare l’occupazione Economia

Aiuto al mondo del lavoro, rivolto a cassintegrati o a persone che stanno subendo una crisi aziendale, a laureati con l’intenzione di accedere a un master di primo o secondo livello, oltre alle persone che intendono accrescere la loro professionalità.
Ha un’aria molto concreta, il fondo di 700mila euro appena stanziato dalla Provincia in tre avvisi pubblici (fondi Fse) per la distribuzione di “voucher individuali” dal tetto massimo di 2.500 euro.
''I voucher sono un piccolo finanziamento a fondo perduto, una sorta di assegno personale da spendere in formazione per il lavoro, che ripaga normalmente il 50% di un corso professionalizzante o di un master post-laurea – spiega l'assessore provinciale al Lavoro Elisa Simoni – si tratta di borse individuali che oscillano tra i 1.500 e i 2.500 euro: opportunità molto concrete per rinforzare il proprio bagaglio formativo e acquisire qualifiche anche ricercate nel mercato occupazionale locale, come tutte quelle legate al comparto moda e ai lavori manuali in genere. A questo si affianca anche un aiuto per tanti giovani laureati che non possono permettersi di pagare un master. Quasi un milione di euro per uomini e donne del territorio che qui intendono trovare o ritrovare un lavoro vero''.

I bandi sono dunque tre, e riguardano tre diversi “comparti” nella domanda di qualificazione e professionalizzazione che proviene dal mercato.

Bando che riguarda i soggetti coinvolti in ''crisi aziendali''. I fondi stanziati per questo avviso pubblico constano di 300mila euro. Il bando si rivolge a lavoratori coinvolti in situazioni di crisi aziendale, in cassa integrazione (ordinaria o straordinaria) o iscritti alle liste di mobilità del territorio provinciale, che potranno investire un massimo di 2.500 euro in un corso inserito nel catalogo dell'offerta formativa provinciale, consultabile su http://formazione.lineacomune.it. Bando ''qualifiche professionali''.

300mila euro anche per il bando rivolto a persone disoccupate iscritte ai Centri per l'impiego della Provincia di Firenze e a lavoratori in cassa integrazione straordinaria o in mobilità e interessate ad ampliare il proprio bagaglio formativo ed acquisire una qualifica professionale.
Le persone che riceveranno i voucher individuali di questo tipo, potranno investire un massimo di 1.500 euro per pagare il 50% delle spese sostenute per la frequenza di un percorso formativo che rilascia una qualifica professionale riconosciuta, dall'addetto all'assistenza di base al tecnico qualificato in gestione di musei e pinacoteche. Per l’elenco integrale, consultare http://formazione.lineacomune.it.

Bando ''post-laurea''. Ammontano invece a 100mila euro i fondi stanziati per chi intenda frequentare un master universitario di primo o secondo livello. Godono di facilitazioni per ottenre questo particolare aiuto i laureati fino a 26 anni, inoccupati o disoccupati. Il voucher coprirà il 50% delle spese sostenute per i corsi di specializzazione post-laurea e il valore massimo dell'assegno sarà comunque di 2.500 euro. La data di scadenza per i tre bandi è fissata al 31 dicembre 2012, ma le verifiche di ammissibilità e le erogazioni dei voucher avranno cadenza mensile. Criterio comune ai tre avvisi è la variabile che prevede che a parità di punteggio sia privilegiata la persona con età più alta. Le donne avranno un punteggio preferenziale di due punti rispetto agli uomini negli avvisi relativi alle qualifiche professionali e alle crisi aziendali. Per quest'ultimo avviso pubblico saranno inoltre avvantaggiati quanti hanno una licenza di studio più bassa della laurea o un'età superiore ai 45 anni. I tre avvisi pubblici sono scaricabili su www.provincia.fi.it/formazione.
 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »