energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Dalla Regione 48.000 euro per la frana di Castelfranco di Sotto Notizie dalla toscana

Castelfranco di Sotto (Pisa) – Le intense piogge di ottobre e la scarsa regimazione delle acque superficiali avevano provocato pochi mesi fa una frana di scoscendimento di grande proporzioni sulla via Costa Impietrata, antica strada vicinale comunale che prende il nome proprio dalla sua lastricatura in pietra. Costruita ad inizio novecento, da Via Piè di Monte sale rapidamente fino alla Villa di Montefalcone ed anticamente aveva il compito di collegare la pianura con la fattoria Bargagli ed era molto utilizzata dai contadini e da tutte quelle persone che frequentavano il Borgo di Montefalcone. Le piogge successive alla frana stavano provocando grandi disagi per i numerosi detriti e fango trasportati a valle fino a Via Piè di Monte, come più volte confermato dai residenti della zona. Grazie al lavoro tecnico degli uffici provinciali, del Consorzio Forestale delle Cerbaie e della regione Toscana, che ha concesso un finanziamento di 48.130 euro derivanti dal fondo di riserva PSR 2007-2013, sarà possibile intervenire immediatamente per un serio progetto di consolidamento del versante dissestato. L’Iva dei lavori per un importo di 10.600 euro sarà invece a carico del Comune di Castelfranco di Sotto.

L’intervento è finalizzato a mettere in sicurezza e prevenire l’instaurarsi di gravi fenomeni di dissesto oltre all’attuale e prevederà anche numerosi interventi sull’antica strada lastricata con la ripulitura, riapertura e risagomatura del tratto stradale interessato dal piede della frana e, più a valle, dai consistenti colamenti di fango che hanno completamente ricoperto il piano viario lastricato impedendo la circolazione a piedi. Saranno realizzate palificate in legno e pietrame, riprofilatura a gradoni della scarpata per circa 50 metri, adeguata rete di drenaggio ed utilizzati materiali naturali nonché tecniche d’intervento che minimizzano l’impatto sull’ambiente.

“Questo importante intervento, come il contenimento dei cinghiali che stanno devastando il versante, – afferma il Sindaco Gabriele Toti – fa parte di un più ampio progetto di riqualificazione della zona abitata di via Piè di Monte come da nostro impegno in campagna elettorale. L’antica via costa impietrata è un pezzo inoltre del tratto ciclo-pedonale mancante che dovrà unire in futuro la pista ciclabile di via Usciana con l’anello ciclo-pedonale di imminente realizzazione intorno ai confini della Riserva Naturale Statale di Montefalcone. Durante il 2015 cercheremo di intervenire anche su un’altra strada vicinale e su altre questioni che da tempo i cittadini della zona sollevano. Molto presto incontrerò i residenti di via Piè di Monte per confrontarmi con loro sui progetti dell’amministrazione comunale”.

“Il finanziamento ricevuto dimostra quanto sia importante il Consorzio Forestale delle Cerbaie – sostiene Federico Grossi, assessore all’ambiente e presidente del Consorzio – perché l’intervento si realizzerà in parte su proprietà pubblica ed in parte su un oliveto di proprietà privata e per ottenere il finanziamento è stato necessario un accordo col privato che pertanto entrerà a far parte come socio del Consorzio Forestale. A fronte di una quota minima di adesione, il privato riceverà un beneficio di migliaia di euro. I lavori partiranno nel mese di febbraio e dovranno essere terminati e rendicontati alla Regione Toscana entro la fine di giugno”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »