energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Danza: a Cango “Paradiso”, nuova creazione di Virgilio Sieni Spettacoli

Firenze – Arriva a Firenze Paradiso, nuova creazione di Virgilio Sieni per le celebrazioni Dantesche che ha debuttato in prima assoluta il 25 e 26 settembre a Napoli per il Campania Teatro Festival per poi venire presentato in questi ultimi mesi del 2021 nei principali teatri e festival italiani (Napoli, Pesaro, Ferrara, Firenze, Reggio Emilia, Pistoia, Cremona, Milano, Pavia, Genova, Verona, …).  Paradiso sarà a CANGO Cantieri Culturali Goldonetta (via Santa Maria 25 Firenze), nell’ambito de La Democrazia del corpo | ottobre > dicembre 2021. 

Lo spettacolo non riporta la parola della Divina Commedia di Dante, non cerca di tradurre il testo in movimento, ma si pone sulla soglia di una sospensione per raccogliere la potente tenuità del contatto e trasmettere il gesto primordiale, liberatorio, vertiginoso dell’amore. I cinque danzatori – Jari Boldrini, Nicola Cisternino, Maurizio Giunti, Andrea Palumbo, Giulio Petrucci – costruiscono un giardino creando un gioco di risonanze tra loro e le piante, tra i corpi e la sostanza vegetale, tra la fisicità e la natura. Si delineano i tratti di un gioco ritrovato: sono le piante a scegliere e a determinare i gesti, le misure, le ombreggiature, le sparizioni dei corpi. Si stabilisce così una nuova forma di tattilità dove il tocco non tange la pelle ma le energie sottili che circondano i corpi e da essi sono sprigionate.

 da sabato 6 novembre a domenica 14 novembre (ore 21.00, domenica ore 16.00)

COMPAGNIA VIRGILIO SIENI

PARADISO

 

Regia, coreografia e spazio Virgilio Sieni

Musica originale Paolo Damiani

Interpreti Jari Boldrini, Nicola Cisternino, Maurizio Giunti, Andrea Palumbo, Giulio Petrucci

Costumi Silvia Salvaggio

Luci Virgilio Sieni e Marco Cassini

Allestimento Daniele Ferro

Produzione Comune di Firenze, Dante 2021 Comitato Nazionale per le celebrazioni dei 700 anni, Campania Teatro Festival

Foto: PARADISO di Virgilio Sieni  copyright di Renato Esposito

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »