energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Danzainfiera 2019: i ballerini protagonisti del nostro tempo Spettacoli, Sport

Firenze -Per gli appassionati di danza è l’appuntamento più importante dell’anno. Da domani a domenica torna per la quattordicesima volta, alla Fortezza da Basso di Firenze, DanzainfieraL’edizione 2019 metterà al centro le #storiedidanza, raccontando al  pubblico la passione e la fatica di ballerini di ogni stile e addetti ai lavori, protagonisti del palcoscenico e del backstage.

Tutti insieme, per quattro giorni, si riuniranno nel capoluogo toscano  dove si alterneranno centinaia di lezioni e audizioni, spettacoli e contest, un’area espositiva con i grandi marchi e incontri con le più importanti stelle della danza.

Numeri considerevoli visto che, secondo un articolo di Adnkronos (maggio 2015), il nostro Belpaese conta 1,4 milioni di allievi, con 17.000 scuole e oltre 50 discipline praticate.

Notevoli anche i dati di Danzainfiera, che raccontano di una manifestazione che, ormai da anni, si è imposta, a livello internazionale, come la più importante del settore.

I numeri di Danzainfiera

Danzainfiera ospita oltre 200 lezioni, più di 50 tra audizioni, stage e master e più di 30 eventi coreografici tra concorsi, spettacoli, contest e rassegne. Sono oltre 180 gli espositori da tutto il mondo. Circa 65.000 mq all’interno della Fortezza da Basso di Firenze suddivisi tra vari padiglioni: il Padiglione Ghiaie sarà la porta di accesso a Danzainfiera, la Sala della Volta è dedicata al Master Vaganova con presentazioni e attività per insegnanti, il Padiglione Basilica ed il Padiglione Le Nazioni sono destinati al Concorso Expression IDA, la Palazzina Lorenese ospita alcune delle lezioni in programma, così come La Polveriera offre lezioni tecniche di supporto al danzatore, mentre al Rondino sono in programma lezioni e stage e nella Sala della Scherma stage ed audizioni.

Al Padiglione La Ronda i visitatori possono assistere a spettacoli, eventi speciali, esibizioni e rassegne.
Il Padiglione Spadolini sarà il cuore pulsante di Danzainfiera con tre piani dedicati interamente ad attività ed iniziative: al Piano Attico ben 6 aule ospitano lezioni, audizioni e stage, Baby Dance Area e Danze Aeree oltre ad ospitare scuole, compagnie, enti e federazioni. Al Piano Terra Info Point, Area Press, Area Web & Media Partner, Area Sfilate, Area Vip, Atelier Italia, e la grande selezioni di espositori commerciali.
Grandi novità per l’Area Urban che occupa il piano inferiore con ampliamento degli spazi: Aula Moma, Aula 7, Street Studio, Area Street, oltre agli espositori specializzati nel settore Urban.

Ma non è finita. Il Padiglione Cavaniglia ospita infatti l’Area Teatro con rassegne ed esibizioni di scuole, e gli spazi dedicati a Musical: il concorso, mentre l’Area Palazzetto ospita la rassegna Ballando con il Cuore ed il Trofeo Danzainfiera. Nella passata edizione sono stati 175.000 i visitatori di età media tra i 12 ed i 25 anni. Quasi 3000 i buyer, con oltre 1000 scuole e compagnie iscritte. Sui Social cifre a 5 zeri per i fan sulla Pagina Facebook e quasi 20mila i follower su Instagram.

Il taglio del nastro con le istituzioni

Il sipario si aprirà domani pomeriggio alle 16 con il taglio del nastro alla presenza dell’assessore allo Sport del Comune di Firenze, Andrea Vannucci, del coreografo Anthony Heinl e del Patron di Danzainfiera, Alessandro Sanesi. A seguire, in sala Press Incontri (Padiglione Spadolini), in collaborazione con il Teatro Verdi di Firenze, l’incontro con Anthony Heinl, fondatore di eVolution dance theater, coreografo e direttore artistico dello spettacolo The magic of light, in scena a teatro domani alle 20,45 tra danza e magia.

Tra le nuove tendenze, grande attesa per Danza in Fascia, la danza delle mamme con i loro neonati, reduce del successo in prima serata a Italia’s got talent di venerdì scorso, e per la Nu-Dance, il primo ballo di coppia antistress, facile per tutti, su tutta la musica che più piace e con chi vuoi, uomo o donna.

In mostra le opere realizzate dagli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Firenze che saranno protagoniste della mostra l’Arte danza sulle punte e l’esposizione fotografica di Paolo Bonciani dedicata a Lindsay Kemp.

Le guest star del balletto

Tra i nomi più attesi a Firenze quest’anno ci saranno star del balletto mondiale come Evgenia Obraztsova, ballerina russa di fama internazionale, solista del Teatro Mariinsky dal 2002 e principal del Teatro Bolshoi di Mosca e l’étoile Lucia Lacarra. La ballerina spagnola, tra le ospiti più ricercate in tutto il mondo, ha ricoperto tutti i ruoli più importanti e oggi è direttore artistico del Victor Ullate Ballet di Madrid.

Il mago della tap dance, i guru dell’hip hop e il maestro del contemporaneo

Lo spazio dedicato alla Tap Dance, in Italia conosciuta come tip tap, propone l’incontro con il pluricampione del mondo Daniel Léveillé per appassionarsi ancor più ad una danza un tempo solo presente nel musical of Broadway, oggi invece contaminata da tutti gli stili di danza e generi musicali.

Per la prima volta a Dif, attesissimo, il ballerino di hip hop Kenzo Alvares, guest dei più importanti contest in giro per il mondo. Sempre nel padiglione Urban, la ‘casa’ della street dance, imperdibile la performance di Jimmi “YUDAT” Zelou, fondatore e membro della “Compagnie Yudat”, che trasmetterà tutta la sua energia e adrenalina allo stato puro. Chi ama il contemporaneo sarà felice di provare invece una Spiritual Body Experience con il coreografo e performer internazionale Valerio Longo.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »