energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

De Falco: il trasferimento è un “demansionamento” Cronaca

Grosseto – Non ci sta a diventare, da eroe, un semplice segretario. Gregorio De Falco accusa di essere stato messo da parte dopo la vicenda della Costa Concordia. Il comandante è stato rimosso dal comando generale della Guardia Costiera ed assegnato a nuovo incarico. Secondo lui il naufragio del Giglio avrebbe avuto importanza fondamentale nel cambiamento di servizio. De Falco parla di “disapprovazioni da parte di un superiore” in merito al suo comportamento nella notte del 13 gennaio 2012 e definisce il trasferimento come una “vessazione”

Dopo 20 anni di servizio sta addirittura pensando di lasciare. Essere spostato dal “campo” all’ufficio, suona per il comandante come una beffa. Non così, per il comandante generale delle Capitanerie di Porto, l’ammiraglio Felice Angrisano, che ha avuto un’audizione in Senato proprio in relazione a questa vicenda. Angrisano ha parlato di “avvicendamento ordinario e fisiologico” ed ha ricordato che, anche in marina, non esistono impieghi destinati a durare per sempre.

“Questo non è un avvicendamento, è una sostituzione con destituzione”, ha però ribadito De Falco. Si tratta di un “demansionamento“, ha proseguito, dovuta in parte anche al semplice aver svolto il suo dovere con merito in quella tragica notte dell’isola del Giglio.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »