energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Defueling Concordia, flangiatura su tre dei nove serbatoi da svuotare Cronaca

Concluso lo scorso 19 febbraio lo svuotamento dei primi sei serbatoi della nave, con l'estrazione di 1308,6 metri cubi di carburante, pari al 67% circa del totale stivato nella nave,  si procede ora alle operazioni di flangiatura (inserimento delle valvole) dei restanti 9 serbatoi collocati nella zona di poppa, per predisporli al successivo pompaggio e trasferimento del carburante (19 febbraio Concluso il defueling nei primi 6 serbatoi della Costa Concordia). Alle sei di stamani Il pontone Meloria della joint venture Smit-Neri, incaricata dalla società armatrice Costa Crociere delle operazioni di defueling, si è così posizionato nella parte di poppa della nave per consentire la flangiatura di tre serbatoi che contengono circa 160 metri cubi di diesel. L'estrazione e trasferimento del diesel dai tre serbatoi potrebbero concludersi entro domenica (26 febbraio), se le condizioni meteo-marine si manterrannno buone. Il bollettino meteo-marino dell'Isola del Giglio curato dal Consorzio Lamma, indica tempo sereno e mare poco mosso sia per oggi che per domani. Da oggi a tre settimane è l'arco di tempo stimato per concludere il defueling, portando a termine lo svuotamento degli rimanenti 6 serbatoi.

I dati del monitoraggio dei movimenti del relitto, realizzato dagli esperti del Dipartimento di Scienze della Terra dell'Università di Firenze,  sono confortanti non solo per proseguire, grazie anche a condizioni meteo-marine favorevoli, il defueling, ma anche la ricerca dei dispersi. Dopo il ritrovamento e il recupero di 8 cadaveri fra ieri e l'altro ieri sul Ponte 4 della Costa Concordia, sui quali iniziano oggi le operazioni di identificazione, le ricerche proseguono oggi anche sul ponte 3 della nave, che è stato predisposto ieri mediante la realizzazione del cantiere operativo da parte delle squadre dei Vigili del fuoco.
Si sono svolti inoltre tra ieri e mercoledì diversi incontri tecnici di condivisione e valutazione delle metodologie utilizzate
nella fase dei soccorsi e nella successiva ricerca e recupero dei corpi, tra i soccorritori italiani ed esperti di operazioni subacquee inviati da Francia, Svezia, Svizzera e Regno Unito. Quest'ultimi hanno visionato anche il sistema di monitoraggio strumentale dei movimenti della nave a disposizione della struttura del commissario delegato sull'isola.

Sull'isola è atteso questo pomeriggio alle 15 il commissario delegato all'emergenza del Giglio, Franco Gabrielli, per la seduta del Comitato consultivo da lui presieduto, e per il periodico incontro con la popolazione del Giglio finalizzato a fornire agli abiatanti dell'isola informazioni puntuali sulle attività in corso e programmate.
Per quanto riguarda sversamenti di sostanze dalla nave, i rilevamenti Ispra e Arpat non segnalano criticità.

Incidente probatorio del 3 marzo
La Prefettura di Grosseto chiarisce le modalità dell'udienza dell'incidente probatorio della scatola nera della Costa Concordia, fissata il 3 marzo al Teatro Moderno di Grosseto: l’udienza non è per legge aperta al pubblico, informa la nota, e "vi potranno pertanto accedere soltanto gli indagati, le persone offese, i loro difensori e i consulenti. Durante l’udienza non si procederà all’ascolto delle registrazioni della così detta “scatola nera”, bensì ad attività processuali di tipo preliminare ed in particolare al conferimento di incarichi peritali".  Stamattina presso la Prefettura di Grosseto, si è riuniito il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, per definire le misure di tutela dell'ordine e della sicurezza pubblica da attivare il 3 marzo. La riunione di è svolta alla alla presenza del presidente del Tribunale, del  procuratore della Repubblica, del presidente dell’Amministrazione provinciale, del sindaco di Grosseto e dei responsabili provinciali delle forze di Polizia.

23 febbraio Inchiesta naufragio Concordia, nuove accuse al comandante Schettino
22 febbraio Sale ad 8 il numero dei corpi ritrovati nel relitto della Concordia
22 febbraio Concordia, tra i corpi recuperati quello di Dayana. Naufragio: nuovi avvisi di garanzia
22 febbraio Concordia, individuati alcuni corpi nel ponte 4

Foto www.tmnews.it

Print Friendly, PDF & Email

Translate »