energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

“Dialoghi surreali”. A ExpArt la doppia personale di Michele Nave ed Enrica Zuffada Arezzo, My Stamp

BIBBIENA – Dall’8 al 27 ottobre 2016 ExpArt studio&gallery, in via Borghi 80 a Bibbiena (AR), presenta “Dialoghi surreali”, doppia personale di Michele Nave ed Enrica Zuffada a cura di Silvia Rossi.

L’esposizione, a ingresso libero e gratuito, sarà visitabile dal martedì al sabato, dalle 15,30 alle 19,30, o su appuntamento.

Sabato 8 ottobre, dalle ore 17,30, l’inaugurazione in galleria con l’aperitivo offerto da Bar Le Logge.

LA MOSTRA:

Opere opposte ma dialoganti caratterizzano la mostra di ottobre a ExpArt. Protagonisti i lavori di Michele Nave ed Enrica Zuffada, che trovano spazio di incontro nelle accese cromie che li caratterizzano.

opera-1-nave-art-not-found-olio-su-tela-70x100-2013
Potremmo definirli il “passepartout” di un’analisi giocosa e fantasiosa, ma non esente da una riflessione più profonda della società attuale. Le opere dei due autori giocano infatti tra loro con un forte senso del ritmo, scandito da tinte e frasi, forme e materie che proiettano lo spettatore in un immaginifico gioioso e dissacrante. Lavori felici a un primo sguardo, malinconici a un secondo passaggio e infine irriverenti nei confronti di una realtà che ruota intorno alle tematiche da loro qui rappresentate: arte, infanzia, libertà, natura e società.

Michele Nave ci proietta in una dimensione surreale, fatta di citazioni e “amusement”, dove i protagonisti ricorrenti nelle opere interagiscono con il soggetto stesso, spostando l’attenzione di volta in volta sull’uno o sull’altro gesto da essi compiuto. Un uomo, un ragazzo e la loro testa a forma di mela affrontano i simboli dell’arte e della società contemporanea, giocando con essi e stimolando chi li osserva a riflettere, a volte con sarcasmo, sull’uomo di oggi e sulla sua interazione non tanto con gli emblemi scelti, ma con i valori che essi rappresentano.

Enrica Zuffada pone invece al centro della sua ricerca la relazione tra colore e materia: la juta prende vita tra i collage e i colori a olio, piccoli dettagli escono dalla tela, invitandoci a giocare con i sensi e l’immaginazione, alternando opere di grandi dimensioni ad altre più piccole. Ogni lavoro racchiude una sua narrazione, un suo spazio di riflessione, dove l’apparente frenesia dei colori vivaci trova la propria, equilibrata, dimensione, trasportando lo spettatore in un’osservazione libera e intensa.

www.expartgallery.com

opera-2-zuffada-piccolo-sole-olio-e-grafite-su-tela-sacco-21x15-cm-2015GLI ARTISTI:

Michele Nave è nato a Rivoli (TO) nel 1975. Grafico professionista, all’età di 9 anni inizia a dipingere a olio e a 12 anni si trasferisce con la famiglia in Veneto, dove comincia a usare anche tempere, acrilici e acquerelli. La passione per il disegno e il fumetto lo porta a frequentare corsi per affinare le tecniche. Nel 2000, insieme a un gruppo di pittori e scultori di Ponte nelle Alpi (BL), costituisce l’associazione “Pontart”. Successive esperienze lavorative lo conducono a Firenze e di nuovo in Veneto. Nella piccola Arsiè (BL) ha eseguito alcuni murales. Socio del Circolo Artistico Provinciale “M. Morales” di Belluno, ha ricevuto “critiche” di Vittorio Sgarbi e Joan Lluís Montané. Dal 1998 espone con personali e collettive in Italia e all’estero. www.michelenave.it

Enrica Zuffada è nata a Piacenza nel 1978. Nel 1996 consegue la maturità al Liceo artistico “B. Cassinari” e quindi approfondisce il suo percorso pittorico alla Nuova Accademia di Belle Arti di Milano, dove si laurea nel 2011 in Pittura.  Dal 2005 al 2008 partecipa a mostre ed eventi collettivi. Nel 2009 inaugura la sua prima personale alla Galleria “La Loggia” di Carona, in Svizzera. Attiva nelle principali fiere d’arte, nel 2014 è stata finalista al Premio Internazionale “Giuseppe Gambino” di Venezia.  Il colore e l’utilizzo di materiale grezzo come la juta sono i principali mezzi espressivi della sua pittura, basata sulla ricerca dell’accostamento o fusione di campiture cromatiche, in spazi consapevolmente definiti, fino al raggiungimento dell’equilibrio compositivo. www.enricazuffada.it

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »