energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Dialogo con Teresa: presentazione del libro di Maria Rita Bozzetti Firenze, My Stamp

Dialogo con Teresa

Il 7 ottobre alla Certosa di Firenze presentazione del libro di Maria Rita Bozzetti Dialogo con Teresa. Intervengono V. Arnone, A. Lovascio, C. Mezzasalma e M.G. Caramella. Letture di C. Tundo. Musiche di Bach, Vivaldi e Morricone eseguite dai Solisti della Tuscan Chamber Orchestra. Sarà presente l’autrice. Ingresso libero. 

 

Un testo che nasce dall’incontro e la «spirituale sorellanza» fra una poetessa italiana dei nostri giorni, dalla vocazione lirica e l’ispirazione religiosa, e i Manoscritti autobiografici, più noti come Storia di un’anima, di Teresa di Lisieux o Suor Teresa di Gesù Bambino: monaca carmelitana francese morta di tubercolosi a 24 anni nel 1897 al termine di una vita vissuta con incandescente passione mistica, poi proclamata santa da Papa Pio XI nel 1925 e “Dottore della Chiesa” nel 1997 da Papa Giovanni Paolo II; protettrice dei missionari e patrona della Francia insieme a Giovanna d’Arco.

È il libro di Maria Rita Bozzetti, Dialogo con Teresa (Libreria Editrice Vaticana 2021), che viene presentato venerdì 7 ottobre, alle ore 17, nella sala Pio VI della Certosa di Firenze (via della Certosa 1 al Galluzzo) in un incontro che prevede gli interventi di Vincenzo Arnone, Antonio Lovascio, Carmelo Mezzasalma e Maria Giuseppina Caramella (presidente della Fondazione il Fiore), le letture di Cristina Tundo e musiche di Johann Sebastian Bach, Antonio Vivaldi ed Ennio Morricone eseguite dai Solisti della Tuscan Chamber Orchestra: Simone Calcinai e Costanza Costantino al violino, Giovannella Berardengo al violoncello. Un evento a ingresso libero, organizzato da Comunità di San Leolino e Fondazione il Fiore di Firenze, a cui sarà presente l’autrice.

L’incontro fra Teresa di Lisieux, la “Maestra dei teologi” (Benedetto XVI, 2011), e Maria Rita Bozzetti, scrive nella prefazione al volume il Cardinale Marcello Semeraro, è arricchito dal fatto che «come giustamente si legge nell’introduzione di Vincenzo Guarracino, esse, nella loro sostanza di vita appassionata possono avere in comune alcune note importanti – “il dolore, l’ansia di trascendente e assoluto” – che consentono questa singolare sorellanza dialogica, che è la sostanza del volume». In sostanza, continua il cardinale Semeraro, nel testo si sviluppa un «botta e risposta» o «tic toc agile e suggestivo», che «costituisce l’originalità singolare dell’intero volume».

Il risultato, dal punto di vista stilistico, è «un testo – scrive Vincenzo Guarracino – che si potrebbe senza forzature definire amebeo, dialogico e bifronte, tra prosa e verso, inquadrandolo entro un genere antico dalle nobili ascendenze quale il prosimetro, componimento letterario di argomento amoroso o filosofico non solo per la commistione delle parti, ma soprattutto per la felice modulazione dei toni, tra argomentazione, commento e abbandono lirico».

Ciò che colpisce nell’esperienza poetica di Maria Rita Bozzetti – scrive nell’articolata postfazione del volume intitolata “La voce delle rose” Carmelo Mezzasalma – è la forza e l’abbandono fiducioso al mistero e alle risorse della parola. Una vita piena di parole, un corpo fatto di parole, l’aria respirata come un canto sommesso di parole. E ne nasce un linguaggio poetico, concentrato e ondivago, incurante delle pause o di ogni altro accorgimento pretestuoso, ma fortemente ancorato all’ispirazione originaria dell’anima che passa dagli interrogativi lancinanti al credere fermo, quasi contro ogni speranza. Un linguaggio innovativo, inquietante e sovversivo, com’è nella natura della poesia. Un linguaggio che ritroviamo ora, detto per inciso, in questo Dialogo con Teresa, ma molto più teso e fiammeggiante, per niente intimorito dal contatto con le pagine, altrettanto sovversive e luminose, dell’autobiografia umana e spirituale della giovane santa carmelitana».

 

Per ulteriori informazioni, Fondazione il Fiore. Tel.: 055-225074

 

Maria Rita Bozzetti nasce a Roma, si laurea presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore in Medicina e Chirurgia e si specializza in Ematologia clinica e di laboratorio. Si dedica con grande attenzione alla sua attività Ospedaliera, divenendo presto Primario Ospedaliero. Attualmente vive a Galatina (Lecce) e si dedica esclusivamente all’attività letteraria. Ha pubblicato: Polvere di giorni (1992); Canta l’Eterno Presente (1998); Il Dio che non parla (2002); Nell’ozio delle erbacce. Meditazioni in poesia su brani del Vangelo di Matteo (2004); I dintorni della tua memoria. Pensieri poetici in ricordo del Maestro Nicola De Donno (2004, del 2007 la versione in albanese); Segmenti ex temporanei (2006); Monade Arroccata. Meditazioni in poesia su brani del Vangelo di Giovanni e del Qohèlet (2008); Senza potere. Romanzo (2009); Sulla soglia. Poesie sui bambini uccisi in guerra (2010); La mia Cappuccetto Rosso. Fiaba rivisitata in endecasillabi (2010); brani di Monade arroccata musicati dal Maestro compositore Alberto Giglioni e recitati dall’attrice Grazia Ferrali (CD musicale, 2010); Tu, l’altra carne… Poesie meditando la Via Crucis dalle rovine di un terremoto (2012). Collabora ad alcune riviste, con testi di attualità e di critica.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »