energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Dipendenti delle Province protestano contro i tagli Cronaca

Firenze – In tutta la Toscana iniziative da parte dei 4.500 lavoratori delle Province contro i tagli previsti dalla legge di stabilità: i lavoratori chiedono alle istituzioni certezze sul proprio futuro e sulle risorse a disposizione per settori come l’edilizia scolastica, la manutenzione delle strade, la tutela dell’ambiente contro il rischio idrogeologico.

In Toscana si tratta di tagli per 96 milioni di euro dopo i 36 già stabiliti dalla legge Delrio, per un totale di 133 milioni, “il 40% del bilancio delle provincie toscane”, ha spiegato Debora Giomi, segretaria regionale della Fp-Cgil, nel corso di una iniziativa unitaria oggi a Firenze. “Il rallentamento della riforma istituzionale – ha detto Marco Bucci (Cisl-Fp) – rischia di trovarci all’inizio del 2015 in una situazione di sofferenza per le Province, senza aver ancora definito il passaggio delle funzioni a Regioni e Comuni. Mancano delle coperture economiche: il Governo rispetto al percorso previsto ha tagliato pesantemente le risorse”.

Assemblee si sono tenute, oltre che nel capoluogo con la partecipazione di alcune centinaia di lavoratori, a Grosseto, Livorno, Prato, Pistoia, Siena; ad Arezzo l’assemblea si terrà fra una settimana, mentre a Lucca è stato inviato un comunicato al Prefetto. I lavoratori hanno proclamato lo stato di agitazione

Print Friendly, PDF & Email

Translate »