energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Diritto al voto negato, flash mob degli invisibili in Prefettura Breaking news, Cronaca

Firenze – Agli invisibili, neanche il voto. Del resto, se sono invisibili …. Sono centinaia i cittadini che a Firenze non hanno potuto attingere agli strumenti approntati dalla giunta e dalle istituzioni a sostegno dei nuclei famigliari e delle persone su cui è caduta la scure, non solo sanitaria ma anche economica, del coronavirus. Nè reddito di cittadinanza, nè assistenza sanitaria, nè buoni alimentari, nè accesso ai bandi delle case popolari (anche se per ora l’unica notizia è che il prossimo potrebbe partire fra ottobre e novembre), nè contributi affitto straordinari. E ora, neppure la possibilità di andare a votare. 

Di chi si tratta? “Di cittadini a cui è stata cancellata la residenza o viene negata l’iscrizione anagrafica nel Comune di Firenze, Comune dove spesso di fatto vivono da decenni o dove sono nati (https://www.stamptoscana.it/coronavirus-e-lavoratori-gli-invisibili-sono-ancora-i-piu-colpiti/). In occasione della tornata elettorale dei prossimi giorni questi cittadini non potranno andare a votare, non potranno esprimersi sul Referendum Costituzionale e non potranno scegliere il Presidente della Regione nella quale vivono”, è la risposta delle Rete Antisfratto Fiorentina che ha organizzato un flash mob domani, alle 11, sotto la Prefettura.

In sintesi, spiegano dalla Rete, “tutto questo avviene perché la maggior parte dei Comuni e tra questi il Comune di Firenze,  non applicano  correttamente  la normativa nazionale che regola le iscrizioni e le cancellazioni anagrafiche”.

“Su questo punto, a più riprese, sono state emanate  da parte del Ministero dell’Interno circolari che richiamavano ad una puntuale ed esatta gestione dell’anagrafe da parte dei signori sindaci, nella loro qualità di ufficiali di Governo  sottolineando che l’iscrizione anagrafica non è sottoposta ad alcuna condizione e che l’unico requisito è la corrispondenza tra la situazione di fatto e quanto dichiarato dall’interessato”, precisa la nota della Raf (vedi “Residenza, dalla legge ai regolamenti il rischio è diventare “invisibili”, https://www.stamptoscana.it/224943-2/).

 “Nelle stesse circolari venivano invitati i prefetti “ad effettuare la più accurata sorveglianza sulla gestione delle anagrafi da parte dei signori sindaci” così come previsto dall’art.52 del DPR 223/89-Nuovo Regolamento Anagrafico della Popolazione Residente”.

“Ed è questo l’invito  che rivolgiamo oggi al Prefetto e che motiva la nostra presenza sotto gli uffici della Prefettura di Firenze, siamo qui a chiedere un intervento urgente per ricondurre le procedure adottate dal comune di Firenze ai dettati della normativa vigente e permettere a questi cittadini il pieno godimento di tutti quei diritti costituzionalmente garantiti che vengono loro negati a causa della mancata iscrizione anagrafica”, conclude la nota.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »