energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Dolore cronico, “croce” per 15 milioni di italiani Breaking news, Società, STAMP - Salute

Firenze – I dati sono quelli diffusi in occasione del Congresso internazionale di anestesiologia Simpar-Isura, che apre i battenti oggi (29 marzo) a Firenze. E, a sentire Massimo Allegri, ricercatore presso l’Università di Parma e specialista in anestesia rianimazione e terapia del dolore, che ha organizzato l’evento, il dolore cronico non è affatto sconosciuto agli italiani, che al contrario sono in ben 15 milioni ad accusare una sintomatologia dolorosa. Circa uno su cinque dei nostri connazionali, dunque, soffre di dolori cronici vari, fra  cui i più frequenti sono il mal di schiena e l’osteoartrosi. Problemi che configurano un costo di circa 3,5 miliardi di euro all’anno.

Andando nelle varie fattispecie, il 70% dei problemi osteoartrosici è legato alla lombalgia, ma vanno “alla grande” anche la cefalea, che affligge 2 milioni di italiani, e i dolori neuropatici periferici, come il diabete. . Secondo Allegri, in Italia soffre di dolore cronico “un numero devastante di persone”. Se poi si paragona la situazione nazionale con l’estero si scopre che mentre in Portogallo il costo del mal di schiena “è pari all’8% del pil, in America costa 600 miliardi all’anno”. Infine, Allegri sfata una convinzione molto diffusa fra gli italiani: che il dolore cronico sia sintomo di un problema di tipo tumorale: “Nel 90% dei casi questa associazione è del tutto infondata”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »