energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Domani Festa di Santa Reparata, patrona della città di Firenze Società

Domani, 8 ottobre, Firenze celebra Santa Reparata, co-patrona della città insieme a San Giovanni Battista. La tradizione narra che fu grazie alla sua miracolosa intercessione che nel 406 d.c., l’esercito romano con a capo Stilicone e i fiorentini, sconfissero le orde barbariche degli Ostrogoti, guidate dal re Radagaiso, che aveva cinto d’assedio la città. I barbari furono annientati e questo evento segnò il definitivo trionfo del Cristianesimo a Firenze. La vittoria permise all’antica Florentia di mantenere la propria indipendenza e di conservare l’impianto originale fondato dai romani, così come tutte le costruzioni e l’organizzazione socio-politica che la città fino ad allora si era data. Per questo motivo la nostra basilica principale venne dedicata al culto di questa santa e trasformata solo in seguito, nella cattedrale di Santa Maria del Fiore.

Alle celebrazioni parteciperà l’assessore alla cultura Sergio Givone, che nell’occasione darà il benvenuto e riceverà una delegazione proveniente dalla città tedesca di Mannheim, dove dal 17 febbraio al 28 luglio prossimi si terrà la mostra “I Medici. I personaggi, il potere e la passione”, dedicata al 270° anniversario della morte dell’Elettrice Palatina. Promossa da Reiss-Engelhorn-Museen di Mannheim, in collaborazione con la Soprintendenza speciale per il patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico e per il Polo museale della città di Firenze, l’esposizione ha il patrocinio del Comune di Firenze. Alle iniziative per ricordare la co-patrona di Firenze parteciperanno anche il discendente della famiglia Medici, Principe Giovan Battista de’ Medici, Duca di Sarno, Colonnello della famiglia, e il console onorario della Germania a Firenze l’avv. Renate Wendt.
Lunedì mattina sono previste visite guidate gratuite a cura dell’Associazione Centro Guide Turismo (riservate solo a coloro che si sono prenotati) alla Torre della Pagliazza in piazza Sant’Elisabetta: terme romane e reperti bizantini; al teatro romano in Palazzo Vecchio; alle vestigia della Cattedrale paleocristiana di Santa Reparata: gli scavi al di sotto del Duomo di Firenze; e al Museo dell’Opera del Duomo.

Nel pomeriggio ci sarà il Corteo storico della Repubblica fiorentina che insieme all’assessore alla cultura Sergio Givone sfilerà da Palazzo Vecchio verso la Cattedrale di Santa Maria del Fiore: alle 16 il Corteo sarà all’Arengario di Palazzo Vecchio per rendere omaggio alla delegazione tedesca con una breve cerimonia. Dopodiché partirà alla volta del Duomo. Alle 16,30 nella Cripta di Santa Reparata ci sarà l’offerta del cero e della ghirlanda in onore di Santa Reparata. Il Corteo, poi, tornerà in piazza della Signoria, dove si concluderà la cerimonia con l’esibizione degli sbandieratori, che quando avranno concluso la loro esibizione consegneranno due delle loro bandiere alla delegazione di Mannheim per esporle nella mostra dedicata ai Medici. A seguire, in Palazzo Vecchio si terrà uno scambio di doni tra l’assessore Sergio Givone, la delegazione tedesca, il Principe Giovan Battista de’ Medici e il console tedesco 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »