energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Domenica 30 luglio, alle Civiche Stanze di Sansepolcro, un’opera di Cavedon all’asta Arezzo, My Stamp

SANSEPOLCRO – Domenica 30 luglio si conclude, al Circolo delle Civiche Stanze di via Buonumore 29, a Sansepolcro (Ar), la mostra “Memento”, doppia personale di pittura e scultura di Giampietro Cavedon e Sergio Massetti a cura di Giovanni Pichi Graziani.

Per il finissage è stata organizzata, dalle ore 18,30 alle 20, con ingresso libero e gratuito, un’asta pubblica senza prezzo di riserva per l’opera realizzata dal vivo da Cavedon durante la giornata inaugurale del 9 luglio.

Il dipinto (vedi foto), di dimensioni 80×80 cm, ritrae un noto scorcio di Sansepolcro. Il quadro è già incorniciato e vanta un prezzo di galleria di 3.200 euro stabilito dalle quotazioni del pittore. L’asta tuttavia partirà da una base di 0.90 centesimi e alle ore 20 verrà sancito il prezzo definitivo in base ai rialzi.

opera CavedonLa mostra “Memento” resterà poi visibile sino alla mezzanotte dello stesso giorno, e sarà l’occasione per ammirare e trattare le altre opere esposte, accessibili a prezzi di favore concessi dal pluripremiato artista vicentino sempre per la giornata di domenica.

Giampietro Cavedon, classe 1951, vanta importanti esposizioni personali in tutto il mondo. Da ricordare le tappe di Bruxelles, Roma, Venezia, Padova, San Francisco, New York e Barcellona. Negli anni partecipa con successo a concorsi nazionali e internazionali, dove ottiene premi e riconoscimenti, non ultimo il Premio FighilleArte conseguito nel 2016.

Le ambientazioni di Cavedon, dai paesaggi urbani agli interni domestici o industriali, sono immerse in un’atmosfera densa di evocazione. È l’azione della memoria che cerca di mettere a fuoco i ricordi, la mano che muove il suo pennello, i contorni sfumati palesano l’impossibilità di afferrare nitidamente le immagini. Quello che rappresenta l’artista nelle sue opere non è quello che si vede ma quello che egli vede e ce lo riporta attraverso il filtro della sua mente. Allo spettatore non resta che indovinare, intuire, cercare tra gli oggetti e i contorni abbozzati una dimensione malinconica, sfuggente e che forse non si farà mai svelare.

www.giampietrocavedonopere.com

Print Friendly, PDF & Email

Translate »