energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Donne vittime di violenza, al via le misure per il reinserimento lavorativo Breaking news, Cronaca

Firenze – Due strumenti per consentire l’autonomia alle donne vittime di violenza, dai contributi diretti individuali, a quelli erogati ad enti che offrono tirocini di orientamento, formazione e inserimento lavorativo.  Le misure sono promosse da Regione Toscana e Agenzia regionale per l’impiego (Arti) e rientrano nel progetto Ati, il piano della Regione a sostegno dei diritti delle donne e vengono finanziate con un primo stanziamento regionale di circa 420mila euro.

Nello specifico, la prima misura prevede contributi diretti individuali per lo svolgimento di almeno due politiche attive del lavoro tra orientamento specialistico/bilancio di competenze, accompagnamento al lavoro o all’attivazione di un tirocinio, inserimento in percorsi formativi presso i Web Learning Point dei Centri per l’impiego, consulenza all’autoimpiego, inserimento in percorsi formativi di breve o di lunga durata. I contributi saranno erogati sia sotto forma di indennità di partecipazione (pari a 500 euro una tantum) sia come indennità per la frequenza di percorsi formativi (per una cifra massima di 2700 euro a seconda del percorso prescelto). A supporto dei percorsi formativi e di accompagnamento al lavoro potranno essere erogati anche contributi supplementari (per un massimo di 1000 euro). Sono previsti contributi a sostegno della mobilità geografica, attraverso rimborsi forfettari per trasporti e contributi a sostegno della conciliazione vita-lavoro tramite voucher per l’acquisto di servizi rivolti a figli/e minori di 13 anni o in condizioni di non autosufficienza e/o disabilità certificate.

La seconda misura sostiene invece tirocini di orientamento, formazione e inserimento lavorativo promossi dai Centri per l’impiego della Regione Toscana, cooperative sociali o altri enti del terzo settore. In questo caso il contributo, che non potrà superare 500 euro mensili (per un minimo di 2 mesi e un massimo di 12), verrà erogato ai soggetti che ospitano il tirocinio: datori di lavoro e imprese ed enti del terzo settore.

Già sperimentati con successo nel biennio 2018-2019, i due interventi sono stati riconosciuti come buona pratica dalla Commissione europea e dal Cnr nell’ambito del progetto Viva (Valutazione analisi interventi di prevenzione e contrasto alla violenza sulle donne).

Per fruire delle due misure sono stati pubblicati due appositi avvisi pubblici tramite Arti, Agenzia regionale toscana per l’impiego, che rimarranno aperti fino al 30 settembre 2022. Tra i requisiti per l’accesso ai contributi: la residenza o il domicilio in Toscana; la presa in carico e l’inserimento in percorsi di protezione dalla violenza certificati dai Servizi Sociali territoriali o dai Centri antiviolenza o dalle Case Rifugio, lo stato di disoccupazione e la stipula di un Progetto per l’occupabilità presso un Centro regionale per l’impiego.

Per favorire la più ampia partecipazione a queste due opportunità, sono in programma momenti di confronto territoriali a distanza, almeno uno per provincia, tra Centri per l’Impiego, Centri Antiviolenza (CAV), Servizi sociali e Socio-sanitari territoriali e Consigliere di Parità provinciali.
Verranno inoltre organizzati incontri con datori di lavoro privati, soggetti del terzo settore, associazioni di categoria, consulenti del lavoro per individuare futuri sbocchi occupazionali per le donne coinvolte nei percorsi.

Grazie ai precedenti avvisi, furono 293 le donne che beneficiarono dei contributi diretti, 82 videro riconosciuto il sostegno per il percorso di tirocinio. A trovare un lavoro furono in 96.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »