energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Drappo nero su Palazzo Vecchio, la cultura sfida l’Isis e piange Asaad Cronaca, Cultura, Società

Firenze – Il drappo nero già sventola su Palazzo Vecchio, e stasera le luci sul Nettuno dell’Ammannati, il ‘Biancone’ di piazza Signoria saranno spente. Così Firenze piange per la morte dell’archeologo siriano Khaled Asaad, capo dei servizi archeologici dell’antica città romana di Palmira e rilancia la sua sfida contro la barbarie.

“Momenti di lutto come questo ci portano a riflettere su quanto il patrimonio culturale e chi se ne prende cura siano bersaglio di chi vuol colpire al cuore l’identità profonda dei popoli, perché questo rappresentano le culture – ha detto la vicesindaca Cristina Giachi – con il convegno sull’egittologia che comincia domenica speriamo che da Firenze parta un appello, che il sindaco Nardella vorrebbe rivolgere a tutti gli uomini di cultura dei Paesi musulmani, per stringersi tutti in una chiara rivendicazione di pace, conservazione e vita per i popoli e per le culture che esprimono – ha continuato – colpire l’arte, la cultura, gli studiosi e gli scienziati è un modo per colpire al cuore l’identità dei popoli “.

Infine, la vicesindaca annuncia anche l’intenzione di chiedere a tutti i partecipanti al convegno sull’egittologia di lanciare un appello “per rivendicare una posizione di netto distacco e rifiuto della violenza e soprattutto della violenza che vuol colpire l’identità dei popoli”. 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »