energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Due defibrillatori donati all’Università di Pisa STAMP - Università

Pisa – Sono stati consegnati direttamente al rettore Massimo Augello i due nuovi defibrillatori che saranno installati a Palazzo alla Giornata, sede del rettorato, e a Palazzo Vitelli, sede dell’amministrazione centrale. Le macchine sono state donate all’Università di Pisa dai familiari di Alice Bernardi, la giovane scomparsa nel luglio del 2014 in un incidente stradale, e dall’oreficeria “Casa Capone”. La consegna è stata effettuata dal dottor Maurizio Cecchini, presidente della “CecchiniCuore onlus” e ideatore della campagna di diffusione dei defibrillatori nella provincia di Pisa.

Nel ringraziare il dottor Cecchini, i familiari di Alice Bernardi e i proprietari dell’oreficeria “Casa Capone”, il rettore ha ricordato che fu lui stesso, nel 2008 in qualità di preside di Economia e commercio, a voler dotare la facoltà di un defibrillatore, il primo installato in una università italiana. “Dopo l’esempio di Economia – ha concluso il professor Augello – i DAE si sono diffusi all’interno del nostro Ateneo e diverse macchine sono oggi presenti al Polo Fibonacci, a Ingegneria, a Chimica e a Veterinaria. Sicuramente vogliamo continuare su questa strada, incentivando la cultura della sicurezza sul posto di lavoro”.

Il dottor Cecchini, che dal dicembre 2007 ha personalmente installato oltre 250 defibrillatori automatici pubblici nella provincia di Pisa e tenuto corsi gratuiti formando più di 5.000 first responders, ha sottolineato l’importanza di questi strumenti. “In assenza dell’attività di defibrillatori – ha detto – la percentuale di sopravvivenza a un attacco cardiaco è di circa l’1 o il 2 per cento, contro il 50 per cento di possibilità di sopravvivenza se si utilizza il macchinario. In questi anni, nella nostra provincia siamo riusciti a salvare sei persone sulle nove colpite”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »