energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Durante l’estate Arpat tiene sotto osservazione lo stato di salute dell’Arno Notizie dalla toscana

L’estate è il periodo più critico per i flussi d’acqua. Per questo Arpat, l’Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, ha ripreso, dal 4 giugno, l’attività di monitoraggio sul più grande fiume toscano, l’Arno. In particolare vengono tenuti sotto controllo, mediante un monitoraggio settimanale, le condizioni di ossigenazione e la temperatura dell’acqua del fiume, così da poter verificare i fenomeni di eutrofizzazione e di fioritura algale. Mediante quattro centraline installate a Buoriposo (Arezzo), Nave di Rosano (Firenze), Fucecchio (Firenze) e Calcinaia (Pisa), ossia da monte a valle, si cerca di monitorare la salute dell’Arno e di controllare i valori dell’ossigeno disciolto nelle sue acque. Dalla percentuale di ossigeno presente nell’acqua, infatti, dipende la vita delle comunità animali e vegetali che proliferano all’interno del fiume e sulle sue sponde.


http://www.arpat.toscana.it
 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »