energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Nomadelfia, è morta Norina mamma di 74 figli Cronaca

Norina Galavotti, dopo aver tirato su ben 74 figli cresciuti a Nomadelfia, che significa legge della fraternità,  comunità cattolica, in provincia di Grosseto, da qualche anno rientrata nelle grazie della Chiesa, fondata da don Zeno Saltini, dove  i residenti vivono in un'unica famiglia, si è spenta ad 89 anni. Essere madri di vocazione significa crescere figli senza metterli al mondo, rinunciando quindi ad una famiglia di sangue, valorizzando la verginità, e dedicando tutta se stessa  a bimbi senza famiglia. Nata a S. Giustina Vigona, frazione di Mirandola, in provincia di Modena, seconda di 13 figli, Norina incontrò don Zeno a 21 anni, nell'estate del 1944, decidendo di entrare nell'Opera Piccoli Apostoli, e poi seguendolo nella esperienza di Nomadelfia, alle porte di Grosseto. Ha poi portato l’ideale di don Zeno in diverse località, inviata ad avviare e animare nuovi gruppi della comunità di Nomadelfia. Dal 1963 al 1978 risiedette a Vezzano, una frazione de La Verna in provincia di Arezzo. In una recente intervista disse: “Ho 88 anni, vi assicuro che è stata una vita meravigliosa. Ho versato tante lacrime: se la mia stanza avesse le sponde, ci vorrebbe la barca per entrare. Se tornassi indietro, non farei nulla di diverso da ciò che ho fatto”.
Foto www.nomadelfia.it/ita

norina_la_sua_famiglia_ST.jpg

norina_con_il_papa2.jpg

 

norina_ragazza_ST.jpg

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »