energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Ebook, Iva agevolata al 4%: come i libri “di carta” Cultura

Firenze – Sono state oltre 40.000 le conversazioni sul blog unlibroeunlibro e alla fine l’Italia ha risposto con un no alla discriminazione dell’ebook che dal primo gennaio sarà equiparato al libro di carta con l’Iva agevolata al 4% e non più al 22%. Il provvedimento è stato approvato all’interno della Legge di stabilità ed è stato salutato dal presidente dell’Associazione Italiana Editori  Marco Polillo con queste parole “Ora possiamo davvero dire che #unlibroéunlibro: dal 1 gennaio gli ebook in Italia saranno trattati come libri anche ai fini fiscali”. Una “vittoria per il Paese e non solo per il mondo del libro. L’Italia riconosce così ufficialmente che un libro è un libro, al di là del supporto,  ha proseguito Polillo, in questo modo si aprono scenari nuovi per la lettura in Italia: per questo è una vittoria di tutto il paese. Un successo per chi legge, per chi non lo fa e potrà scegliere la modalità di lettura, una vittoria del buon senso prima di ogni altra cosa”.

Il risultato eccezionale – ha dichiarato il presidente degli editori italiani, ricordando la campagna che ha sostenuto la proposta – è frutto dell’impegno di oltre 40mila pollici in giù, degli autori, dei lettori, degli editori. Una mobilitazione di massa senza precedenti di tutti coloro che amano i libri. Un grazie sentito al Parlamento, al Governo, all’impegno preciso e costante del Ministro Dario Franceschini, alla presidenza del Consiglio dei Ministri, al lavoro congiunto e trasversale di maggioranza e opposizione e soprattutto degli onorevoli Antonio Palmieri e Flavia Piccoli Nardelli”.

L’Italia ha scelto e cambia dal 1 gennaio – ha concluso Polillo – adesso l’obiettivo, insieme al Governo, è far cambiare idea agli altri paesi d’Europa”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »