energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Ecco la “legge Carlotta” a tutela dei lavoratori malati nel privato STAMP - Salute

Firenze – Il caso di Carlotta Filardi la lavoratrice multata dall’Inps per 3mila euro per non essere stata presente in casa per una visita fiscale perché era in seduta chemioterapica ha fatto scattare un provvedimento normativo per impedire che simili episodi si possano ripetere.

Nei primi mesi del 2015 il caso era balzato all’attenzione dell’opinione pubblica. Carlotta è  una lavoratrice del settore privato, malata oncologica. Di fronte quindi a un grave stato di malattia che costringe suo malgrado il lavoratore a doversi assentare anche negli orari di reperibilità vi è un’oggettiva condizione di svantaggio di alcuni lavoratori rispetto ad altri: una discriminazione determinata unicamente dalla natura del datore di lavoro (privato invece di pubblico). Infatti mentre i lavoratori del settore pubblico hanno diritto a un’esenzione dalla reperibilità in caso di malattie gravi, la stesso diritto non è garantito ai lavoratori del settore privato che sono tenuti alla presenza.

Le novità normative ed i contenuti di quella che è già stata ribattezzata ‘Legge Carlotta’ sono stati presentati questa mattina a Firenze dal Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’Onorevole Luca Lotti, Carlotta Filardi e Federico Gelli, deputato e responsabile nazionale sanità Pd, primo firmatario della proposta di legge.

“Realizziamo un sogno che non è solo di Carlotta ma di tanti, quello di poter estendere a tutti i lavoratori privati gli stessi diritti che hanno i lavoratori pubblici – ha dichiarato luca Lotti –. Lo abbiamo scoperto grazie a lei e festeggiamo questo raggiungimento. Può sembrare strano e difficile che la politica si occupi anche di questo ma è questo l’obiettivo della legge: estendere i diritti ai malati oncologici non solo ai dipendenti pubblici ma anche per i privati, grazie ad un decreto attuativo del Jobs Act che è in discussione ora sia alla camera sia al senato e che è stato inserito grazie alla presentazione di un disegno di legge che porta il nome della nostra concittadina Carlotta. I decreti attuativi stanno organizzando tante problematiche piccole o grandi del mondo del lavoro – ha concluso l’onorevole – e fa piacere pensare e sottolineare come il Jobs Act sia anche questo, soluzione di problemi che affliggono il mondo dei lavoratori”. La norma è contenuta nel decreto attuativo del Jobs Act n. 176, attualmente in discussione alla Camera e relativo alla razionalizzazione e semplificazione delle procedure e degli adempimenti a carico di cittadini e imprese.

E’ la cosiddetta Legge Carlotta, proprio dal caso di Carlotta Filardi. L’art. 25 dello schema di decreto legislativo prevede che vengano stabilite le cause di esenzione dalle visite fiscali anche per i lavoratori del settore privato attraverso la modifica della normativa del 1983, che a sua volta rimanda a un decreto attuativo del 1986. Dopo l’approvazione dello schema di decreto attuativo verrà quindi modificato il decreto attuativo della legge 638/83 che stabilisce orari e modalità di rispetto delle fasce di reperibilità. E’ di questi giorni la notizia che l’Inps del Trentino, di fronte a un caso del genere, ha disposto il blocco delle visite fiscali per i malati gravi con terapie salva-vita. Un episodio che testimonia sia l’urgenza del problema, sia la necessità di approvare e attuare rapidamente la norma del Jobs Act proprio per evitare situazioni di disparità sul territorio nazionale.

“Questo importante risultato è frutto di mesi di sofferenza e battaglia per far sì che i diritti di noi malati oncologici siano riconosciuti – ha detto Carlotta Filardi -. La ‘Legge Carlotta’ è ancora una volta la dimostrazione che dal cancro può nascere vita, e che la politica e il governo sono vicini a noi cittadini. Finalmente la disparità tra malati del settore pubblico e del privato non esiste più. E con le fasce di reperibilità abolite si può sperare in una qualità di vita un po’ migliore”.

“Con questa proposta di legge – ha dichiarato Federico Gelli – mettiamo la parola fine ad una serie di diseguaglianze inaccettabili fra chi è dipendente pubblico e chi invece lavora nel privato. Quanto accaduto a Carlotta è senza dubbio assurdo se non addirittura vergognoso e non si deve più ripetere. La sua denuncia ha permesso che si concretizzasse un’azione sinergica e immediata fra Governo e Parlamento. Grazie a questa legge sarà possibile estendere anche ai lavoratori dipendenti del privato l’esclusione dall’obbligo di rispettare le fasce di reperibilità in caso di assenza per malattia. Un provvedimento necessario che elimina una delle tante anomalie del nostro ordinamento”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »