energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Lucca, edilizia scolastica al traguardo “bioclimatico” Innovazione

Il progetto di ristrutturazione del padiglione del liceo scientifico “Vallisneri” di Lucca è stato sviluppato nell'ambito del progetto Teenergy Schools,  finanziato dal programma europeo Med e presentato come esempio di “buona pratica” nell’ambito del progetto stesso per le strategie adottate riguardo alla ventilazione e al raffrescamento passivo, che rappresentano una problematica molto rilevante nelle scuole e in particolare in quelle collocate in fasce climatiche temperate come quella in cui viviamo. Conclusosi a settembre 2011 ne è stata capofila la Provincia di Lucca e con il quale l'ente provinciale ha ricevuto il premio speciale per l’attività di formazione al Klimaenergy Award 2011. La provincia ha sviluppato progetti-pilota sull’architettura scolastica bio-climatica, fra i quali la ristrutturazione e l'adeguamento del corpo principale in muratura del Liceo Scientifico Vallisneri, e la realizzazione di due nuovi edifici scolastici: la nuova sede del Liceo Scientifico Barsanti e Matteucci a Viareggio, la nuova sede del ISIA Simoni a Castelnuovo Garfagnana. Questa mattina l'inaugurazione di uno dei tre interventi: il presidente della Provincia Stefano Baccelli, l'assessore all'Edilizia scolastica Mario Regoli e il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Arturo Lattanzi, hanno consegnato i locali ristrutturati del Liceo Scientifico Vallisneri, ossia il cosiddetto “Padiglione nuovo”. Nove aule per la didattica, due laboratori linguistici e due laboratori di fisica, oltre a due gruppi principali di servizi igienici.

L'intervento Liceo scientifico Vallisneri
Quello al “Vallisneri” è stato un intervento complesso e articolato (portato avanti in diverse fasi dovendo garantire la disponibilità di una parte di aule per la didattica) con il quale si sono voluti raggiungere obiettivi di sicurezza, di elevato contenimento energetico e di miglioramento del comfort interno. Un'opera di totale ristrutturazione edilizia del padiglione prefabbricato, costruito dalla Provincia negli anni ’70 come ampliamento del Liceo Scientifico, per rendere più funzionale l'immobile, rinnovandolo anche nell’aspetto esteriore con la realizzazione di un nuovo tamponamento, una parete ventilata e coibentata con infissi altamente isolanti: il risultato è un edificio di circa 3000 metri quadri ad elevata efficienza energetica.
L’investimento complessivo dell’amministrazione provinciale per il “Vallisneri” ammonta a circa 3 milioni e 160mila euro di cui 2 milioni dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, 330mila dalla Regione Toscana e 830mila euro di fondi provinciali.
Il primo lotto ha riguardato l'adeguamento sismico dell'edificio tramite il consolidamento statico della struttura in acciaio e il rafforzamento delle fondazioni e dei pilastri con una spesa di 740mila euro. La prima fase dei lavori si è svolta dall’aprile al novembre 2010 ed è stata eseguita dalla ditta Guidi Gino (in ATI con Magher) per un importo di 485mila euro.
La seconda fase dell'intervento si è svolta dal novembre 2010 al marzo 2011, la ditta esecutrice è stata ancora la Guidi Gino (stavolta in ATI con MBM) e l'importo dei lavori è stato di 255mila euro.
Con il secondo lotto la ditta ITE Group ha assunto l’appalto per i lavori di efficientamento energetico dell’involucro e degli impianti con una spesa totale di 2 milioni e 420mila euro. L'intervento è stato suddiviso in due fasi e al momento è stato completato il primo relativo all’ala est.
Le opere nel complesso riguardano l'adeguamento energetico e impiantistico, gli interventi di miglioramento funzionale ed il completamento dell'adeguamento alla normativa sulla sismica. E' stato realizzato il nuovo involucro di tamponamento esterno con un sistema di parete ad alta efficienza energetica e infissi ad ampia vetratura, dotati di frangisole per migliorare l’illuminazione dei locali e schermare le aule dai raggi del sole durante la bella stagione; nuovi impianti elettrici ad elevata efficienza e un impianto termico radiante a soffitto a basso consumo; sono state create, inoltre, due nuove scale di sicurezza ed è stato completamente rifatto l’anello antincendio per l’intero plesso scolastico. Sono stati revisionati gli impianti dei laboratori di fisica, chimica e dei due laboratori linguistici le cui postazioni sono state incrementate.
É stato ampliato, inoltre, di 250 metri quadri il secondo piano per venire incontro alla necessità di nuove aule visto l’alto numero di iscritti del liceo (circa 1400 studenti in media negli ultimi anni) il che ha consentito di ricavare a piano terra una nuova aula magna da circa 180 posti, dotata di un nuovo impianto fonico.
I lavori nell'ala ovest sono ancora in corso e includono l’installazione del servo scala per l’eliminazione delle barriere architettoniche. Termineranno, come da contratto, nel mese di marzo. Qui, oltre agli interventi sui tamponamenti e sugli impianti, è in atto anche il completamento dell'adeguamento antisismico. Alla fine dei lavori il vecchio padiglione, completamente rinnovato, ospiterà 19 aule di didattica, 2 laboratori linguistici, 2 laboratori di fisica, 2 laboratori di biologia/chimica, 2 aule da disegno, un’aula magna oltre a diversi locali di deposito/archivio, quattro gruppi di servizi igienici.

L'evento e le dichiarazioni
Per l'occasione è stato organizzato un sopralluogo a cui hanno partecipato il provveditore agli Studi di Lucca, Claudio Bacaloni, il preside del Liceo, Monica Ceccherelli, l'architetto Francesca Lazzari, dirigente del Servizio tecnico della Provincia di Lucca, Marco Sala, professore ordinario all’Università degli Studi di Firenze e responsabile del Centro Interuniversitario ABITA di Firenze (partner e responsabile scientifico del progetto Teenergy Schools), e i rappresentanti delle ditte esecutrici e i componenti dello Studio Technè.
Era presente, inoltre, la signora Anna Mungai Giurlani, vedova dell'ingegner Giurlani, ex presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, che tanto si era prodigato per questo progetto di riqualificazione.
E proprio con un ricordo dell'ingegner Giurlani il presidente della Provincia Stefano Baccelli ha voluto aprire il suo saluto. “Ringrazio sentitamente tutti gli enti che hanno contribuito alla realizzazione di questo intervento – ha proseguito Baccelli – che è senza dubbio uno dei più importanti per l'amministrazione provinciale, fiore all'occhiello del più vasto progetto Teenergy Schools grazie al quale la nostra provincia sarà presto fornita di tre scuole ristrutturate o costruite ex-novo secondo i principi dell'architettura scolastica bio-climatica”.
“La Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca – ha affermato il presidente Arturo Lattanzi – ha individuato nell'edilizia scolastica un settore strategico di intervento e a prova di questo ha deliberato investimenti che nei prossimi quattro anni ammonteranno a 14 milioni di euro. Questa operazione – ha concluso Lattanzi – sarà utile anche per attrarre fondi da parte da altri enti”.
“Quella dell'edilizia scolastica – ha affermato l'assessore provinciale alla Pubblica istruzione e all'Edilizia scolastica, Mario Regoli – è uno dei settori più difficili e problematici ma giornate come questa ripagano di tutti gli sforzi e i sacrifici fatti. I lavori effettuati – ha proseguito Regoli – hanno tenuto conto delle richieste e delle esigenze degli stessi studenti che sono stati coinvolti nella fase decisionale e di programmazione”.

Il progetto Teenergy Schoools
“Teenergy Schools” ha puntato ad analizzare i livelli di prestazione energetica dei fabbricati scolastici disposti nelle varie fasce climatiche del bacino del Mediterraneo per valutare le possibili strategie d’intervento in modo da ridurre le dispersioni, contenere i costi di riscaldamento e di illuminazione e aumentare il comfort degli edifici.
I risultati delle analisi hanno consentito di definire le linee guida per le strategie da applicare agli interventi di ristrutturazione degli edifici scolastici e a quelli di nuova costruzione, specificatamente calate sulle condizioni climatiche del bacino mediterraneo e quindi perfettamente applicabili ai nostri edifici scolastici. 
Durante lo svolgimento del progetto Teenergy Schools, la Provincia di Lucca insieme a Legambiente ha promosso una rilevante attività di sensibilizzazione sul tema dell’efficienza energetica con particolare riguardo alla popolazione scolastica. Molti studenti sono stati coinvolti in attività di formazione e hanno risposto ad un questionario orientato a raccogliere dati sulla percezione del benessere interno agli edifici scolastici.
Alcune scuole inoltre hanno partecipato al progetto elaborando un proprio lavoro sulla valutazione dell’efficienza energetica del proprio edificio scolastico indicando alcuni accorgimenti per la riduzione dei consumi. E proprio una classe del Liceo Scientifico Vallisneri è stata selezionata per la qualità del lavoro svolto aggiudicandosi il premio Teenergy Schools messo in palio dalla Provincia di Lucca consistente in una gita al centro di educazione ambientale Pantarei vicino a Perugia.
Gli studenti del Vallisneri che si erano aggiudicati il premio hanno quindi partecipato all’iniziativa di consegna delle aule nella prima ala del fabbricato ristrutturato e saranno nuovamente coinvolti nei prossimi mesi per un nuovo questionario nel quale presenteranno le loro considerazioni sul benessere della nuova sede. (com)

Foto Ufficio stampa della Provincia di Lucca

Print Friendly, PDF & Email

Translate »