energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

El Hamdaoui e Jo-Jo a parte, giallo Pizarro Sport

 Doppia seduta di allenamento, quella indetta per oggi da Vincenzo Montella per preparare la delicata trasferta di Torino, contro un Toro reduce dalla sconfitta di lunedì sera, nel posticipo, contro la Roma. I viola sono tornati sul campo, dopo una giornata di riposo, in mattinata, come di abitudine verso le 10.30, e poi nel primo pomeriggio all'Artemio Franchi dove secondo indiscrezioni, la Fiorentina è stata visionata da occhi esterni. Oltre alla visita annunciata di Paulo Roberto Falcao, ex fuori classe della Roma di Liedholm, presso i campini ci sono anche un gruppo di allenatori italiani in visita per osservare da vicino i metodi di lavoro di Vincenzo Montella. Tra loro ci sono anche Roberto Murgita e Luigi Apolloni. Evento che, almeno per Falcao si ripeterà anche per tutta la giornata di domani e di Venerdì, prima di spostarsi in Inghilterra per visionare il lavoro di Roberto Mancini e di Sir Alex Ferguson. Vincenzo Montella è sicuramente l'allenatore più studiato, in questo momento da tutti, per i suoi metodi di allenamento che rendono le sue squadre già performanti e capaci di giocarsela con tutti fin da subito. La presenza dei tecnici, deve sì essere un gran motivo di orgoglio in casa viola, ma non deve assolutamente diventare motivo di appagamento o distrazione. La preparazione alla trasferta di domenica pomeriggio deve essere impeccabile per poter portare a casa altri tre punti d'oro per la classifca, vista la condizione in calo delle dirette avversarie: Napoli e Inter. Proprio per non lasciare niente al caso, Stevan Jovetic e Mounir El Hamdaoui questo pomeriggio non si sono allenati assieme al gruppo all'Artemio Franchi, ma hanno sostenuto un allenamento mirato ai campini per poter tornare fin da domani a disposizione del tecnico viola, senza il rischio di ricadute indesiderate. Continua il lavoro di Montella per trovare la soluzione più adeguata per sostituire il perno di centrocampo: Pizarro, assente obbligato domenica pomeriggio. Nel frattempo si apre un vero e proprio giallo sul caso Pizarro, infatti il "Pek" con 8 ammonizioni non solo ha raggiunto la seconda squalifica, ma anche il primato del nostro campionato. La cosa curiosa però è che nella classifica dei falli commessi, dove al primo posto si colloca Taider del Bologna con 39 falli fatti, Pizarro si colloca al 210 posto con soltanto 8 falli commessi, lo stesso numero della ammonizioni ricevute. Un caso più unico che raro che ha fatto storgere la bocca perfino al glaciale Vincenzo Montella. E' vero che nel suo ruolo i falli tattici sono all'ordine del giorno, ma considerando che nelle stagioni passate il cileno in media ha sempre preso 5-6 ammonizioni a stagione, i numeri di quest'anno non possono altro che fare pensare. 

  Niccoló Dainelli

Print Friendly, PDF & Email

Translate »