energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Elettrice Palatina, due medaglioni inediti e concerto di musiche rare Cultura

Firenze – A un mese dalla chiusura della mostra “Arte e Politica. L’Elettrice Palatina e l’ultima stagione della committenza medicea a San Lorenzo” – in corso nel Museo delle Cappelle Medicee fino al 2 novembre,   martedì 7 ottobre, alle 17.30 nella Cappella dei Principi si terrà un incontro dal titolo “Novità intorno all’Elettrice” durante il quale saranno presentati due inediti medaglioni in avorio con i ritratti di Giovanni Guglielmo Elettore Palatino del Reno e di Anna Maria Luisa de’ Medici Elettrice Palatina. Alle 18 seguirà il concerto “Ultimate Codex. Fine di un’era di committenze musicali nel ‘500”, con musiche rarissime composte da autori di inizio XVI secolo.

L’ingresso è gratuito fino a esaurimento dei posti disponibili. I due medaglioni in avorio, inediti, provenienti da una collezione privata, saranno presentati dall’antiquario e collezionista mediceo Albero Bruschi. Il mausoleo mediceo, sede da ormai molti anni di appropriati approfondimenti storici e storico-artistici su Granduchi e Granduchesse Medici, accoglierà come arricchimento dell’esposizione i due inediti ritratti dello scultore francese Jean Cavalier (attivo fra il 1680 e il 1707) raffiguranti Giovanni Guglielmo Elettore Palatino e la consorte Anna Maria Luisa de’ Medici, che rimarranno esposti in mostra fino al 2 novembre. Il Cavalier, scultore specializzato in medaglioni ritratto e attivo presso numerose corti d’Europa, eseguì i due medaglioni circa l’anno 1700; altre sue opere sono conservate a Berlino, Vienna, Dresda, Kassel, Stoccolma e Londra. Del Cavalier è, a parere di Bruschi, anche il medaglione raffigurante Luigi XIV di Francia (il Re sole) conservato al Museo degli Argenti.

A seguire, si terrà “Ultimate Codex. Fine di un’era di committenze musicali nel ‘500”, concerto per cultori della musica antica con brani tratti dal Medici Codex del 1518, eseguito dall’Opera Polifonica sotto la direzione di Raffaele Puccianti. Si tratta di un omaggio alla stirpe medicea che Anna Maria Luisa volle tramandare e proteggere grazie al prezioso documento noto come Patto di famiglia. Se questo rappresenta un documento di fondamentale importanza culturale e politica, il Medici Codex del 1518, raccolta di brani musicali di grandi autori del Cinquecento articolato in due volumi e assemblato sotto il regno di Papa Leone X ad opera del grande musicista Juan Mouton, testimonia uno dei tesori più grandi di tutta la storia musicale occidentale. In esso sono contenute opere di uno dei più grandi compositori del ‘500: Josquin Des Prez, ma anche di Costanzo Festa, Andreas de Silva, Adrian Villaert, Johannes de la Fage, Pierrequin de Thérache. Il programma del concerto rende omaggio ad alcuni dei musicisti presenti appunto nel Codice Medici del 1518 e contemporaneamente mette in luce alcuni brani scritti da compositori del Cinquecento legati alla città di Firenze e alla corte medicea. È il caso del celebre mottetto Ingredere foelicissimis auspiciis urbe tuam di Corteccia, scritto per le nozze di Cosimo I dei Medici con Eleonora di Toledo. Tale brano, che apre il concerto, fu cantato e suonato sotto l’arco della porta al Prato a Firenze. Chiude il concerto il monumentale e complicatissimo Credo a 8 voci di Nicholas Gombert, celebre compositore fiammingo allievo di Josquin Des Prez.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »