energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Elezioni metropolitane, civiche per Anna Ravoni Breaking news, Politica

Firenze – Domenica 29 settembre i Sindaci ed i Consiglieri Comunali eletti voteranno per il rinnovo del Consiglio della Città Metropolitana di Firenze.  Si tratta di una elezione cosiddetta di secondo livello alla quale non è pertanto ammessa la popolazione, il voto non avviene secondo il principio “una testa un voto” ma attraverso il voto ponderato (un complesso meccanismo basato sul peso che ogni Comune ha in relazione al numero dei propri abitanti)  così un consigliere di Firenze vale 945 voti mentre quello di un consigliere di Palazzuolo sul Senio ne vale 14.

Gli elettori troveranno in Palazzo Medici Riccardi  schede di colore diverso con all’interno 5 liste una delle quali è  Liste Civiche per la Città Metropolitana, il cui capolista è Anna Ravoni, Sindaco di Fiesole alla guida di “una amministrazione espressione di una vera scelta civica dei cittadini”.

 Sostengono questa lista le esperienze civiche attualmente in essere nei vari Comuni.

Il civismo ancora una volta quindi si candida a ricoprire un ruolo importante in Città Metropolitana, con l’intento di continuare l’esperienza della precedente legislatura che aveva visto ancora Ravoni nel ruolo di Consigliere. “Completamente avulso da qualsiasi connotazione ideologica e soprattutto partitica, il civismo fonda la propria ragione di essere sull’attività dei cittadini che si dedicano con passione alla cura ed alla tutela del proprio territorio, secondo l’idea fondante per la quale territorio e società civile non possono che essere una realtà inscindibile ed unitaria – si legge nella nota –  ulteriori capisaldi alla base della Liste Civiche per la Città Metropolitana  sono i concetti di Cittadinanza attiva e di Democrazia Partecipativa che disegnano uno scenario nel quale ad ogni cittadino viene garantita la possibilità di esercitare il dovere ed il diritto di cittadinanza per il perseguimento del bene comune quale espressione fondamentale di sovranità popolare, mettendo in discussione il principio  di rappresentanza politica che caratterizza l’attività partitica comunemente intesa”.

Conclude la nota: “Di fronte allo scenario politico attuale, con tutte le sue contraddizioni, opacità ed incongruenze, la scelta civica rappresenta una idea da perseguire, Il civismo vero dunque, non quello rappresentato da liste che seppure definitesi civiche in realtà sostengono un candidato di un qualsiasi schieramento partitico, come nuovo soggetto di rappresentanza sociale e politica  in formazione anche nella nostra Regione”.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »