energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Elisoccorso Pegaso: dalla Regione 16, 4 milioni per il 2014 Società

Firenze – La Regione finanzia il servizio di elisoccorso nel 2014 con una cifra di 16 milioni e 400mila euro. Il finanziamento complessivo è così ripartito: 6 milioni e 300mila per l’Asl 1 di Massa e Carrara, 6 milioni e 300mila per l’Asl 9 di Grosseto, dove operano i due elicotteri Pegaso 2 e Pegaso 3, che fanno servizio diurno e notturno; 3 milioni e 800mila alla Asl 10 di Firenze, dove opera Pegaso 1, che fa servizio diurno. Nel 2013 il servizio ha svolto 2.044 soccorsi, 1.851 dei quali per attività HEMS (Helicopter Emergency Medical Service). Il 63% di quest’ultimi sono stati soccorsi di emergenza-urgenza (primari) ed in prevalenza per codice rosso.

Lo stanziamento è stato deliberato nel corso dell’ultima seduta della Giunta regionale su proposta dell’assessore al diritto alla salute Luigi Marroni. L’elisoccorso diurno e notturno, soccorso a mezzo di elicotteri Pegaso in essere dal 1999, – spiega la nota della Regione Toscana – viene utilizzato per  interventi territoriali di emergenza/urgenza (interventi primari),  trasporti interospedalieri di emergenza/urgenza (interventi secondari), attività di soccorso in ambiente ostile/montano, attività addestrativa, voli per ricognizioni e  sopralluoghimissioni tecnico logistiche su richiesta del Soccorso alpino e speleologico Toscano (Sast). L’elicottero Pegaso 1 opera in orario diurno, mentre sia Pegaso 2 che Pegaso 3 sono in grado di volare anche di notte, garantiscono 22 ore di operatività al giorno, con turni di 11 ore intervallati da un’ora di fermo tecnico, e sono abilitati al sorvolo del mare e pertanto garantiscono il soccorso nelle isole dell’arcipelago toscano.
“In tutte le missioni – sottolinea l’assessore Marroni – l’intervento dell’elisoccorso ha garantito il trasporto del paziente direttamente dal luogo dell’evento all’ospedale appropriato, per dotazioni e funzionalità, all’ottimale percorso di diagnosi e cura”.

In dettaglio
In Toscana il servizio di elisoccorso, attivato dal luglio 1999, è organizzato su tre basi operative:
– elicottero Pegaso 1, con base all’ospedale Santa Maria Annunziata (Ponte a Niccheri), nella Asl 10 di Firenze, con competenza operativa prevalente nell’area Toscana centrale;
– elicottero Pegaso 2, con base all’ospedale Misericordia della Asl 9 di Grosseto, con competenza operativa prevalente nell’area Toscana sud e isole dell’arcipelago;
– elicottero Pegaso 3, con base all’aeroporto del Cinquale, Asl 1 di Massa Carrara, con competenza operativa prevalente nell’area Toscana nord e isole dell’arcipelago.

Servizio di elisoccorso nel 2013
Nel 2013 sono state effettuate 2.044 missioni, delle quali 1.851 per attività HEMS (Helicopter Emergency Medical Service). Di queste missioni, 1.294 (63,3%) erano rappresentate da interventi primari (direttamente sul luogo di evento). Di questi 1.294 interventi, 1.070 erano codice rosso, 210 giallo, 5 verde e 9 bianco.

In particolare, le missioni di elisoccorso per interventi primari effettuati nelle isole dell’arcipelago toscano sono state 117, così distribuite: 18 all’isola di Capraia, 3 a Giannutri, 87 al Giglio, 9 all’Elba. Da questi dati emerge che gli interventi primari nelle isole dell’arcipelago sono effettuati in buona parte con gli elicotteri 118, che rappresentano, pertanto, il mezzo di gran lunga più efficace per effettuare il soccorso sanitario in tale contesto.

Gli interventi secondari (da un ospedale all’altro di emergenza/urgenza tempo dipendenti) sono stati in totale 557, di cui 172 (circa il 31%) con partenza dall’ospedale di Portoferraio. Nella quasi totalità dei casi, i trasferimenti interospedalieri di emergenza urgenza si sono resi necessari per trasportare il paziente, in tempi competitivi rispetto al trasporto via terra, verso presidi ospedalieri in grado di garantire prestazioni diagnostiche terapeutiche di emergenza urgenza non eseguibili nell’ospedale di partenza.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »