energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Emergenza bidoni tossici: Rossi chiede l’intervento dell’Istituto Superiore di Sanità Ambiente

Nella sede della Prefettura di Livorno il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, e l’assessore regionale all’Ambiente, Anna Rita Bramerini, hanno incontrato nella mattina di oggi, 22 febbraio, la Protezione civile livornese, il Prefetto della città labronica, la Marina Militare e la Capitaneria di Porto, i rappresentanti del Comune e di Arpat, Istituto Zooprofilattico. Nel vertice livornese si è discusso dei bidoni contenenti materiali tossici che, riversatisi in mare dall’Eurocargo Venenzia, minacciano le acque dell’isola della Gorgona. Le analisi effettuate da Arpat e dall’Istituto Zooprofilattico, si è chiarito durante l’incontro, hanno dato esiti negativi per quanto concerne l’inquinamento. Ma questi esami sono stati condotti su campionamenti del 19 gennaio e, nonostante non presentino valori allarmanti, si rende necessario sottoporre i campioni di pescato anche agli accertamenti dell’Istituto Superiore di Sanità. Servono, ha spiegato Rossi, nuove ed ancor più attente verifiche in quanto «in ballo c’è la sicurezza dei cittadini, che vogliamo e dobbiamo garantire». Arpat ed Ispra, dunque, continueranno la loro attività di monitoraggio sulle acque della Gorgona e da domani, 23 febbraio, sarà attivo, per iniziativa della Regione Toscana, un peschereccio che effettuerà il monitoraggio nella zona di mare nella quale sono stati ritrovati i fusti caduti in acqua dal cargo di Grimaldi Lines. La Regione ed il Comune di Livorno hanno chiesto che la società armatrice presenti, entro la prossima settimana, un piano per il recupero dei 55 fusti finora rintracciati sul fondale. «È necessario – ha spiegato Rossi – non interrompere ma anzi intensificare le ricerche dei 143 fusti ancora mancanti oltre ad avviare le operazioni di recupero». L’incontro odierno, ha invece dichiarato l’assessore Bramerini, è stato utile «per condividere con gli Enti locali le azioni per garantire una corretta informazione ai cittadini». A seguito della riunione il presidente della Regione ha quindi telefonato al ministro della Salute, Renato Balduzzi, per aggiornarlo sulle necessità emerse dall’incontro livornese dedicato ai fusti tossici riversati in mare dall’Eurocargo Venezia. Rossi aveva annunciato durante il vertice che avrebbe chiesto al ministro di attivare l’Istituto Superiore di Sanità per condurre ulteriori analisi, ed il ministro ha risposto alla sua richiesta assicurando che, non appena le condizioni del mare consentiranno di effettuare nuovi prelievi sulla fauna ittica nel mare della Gorgona, questo sarà a disposizione per analizzare i campionamenti. «Ho trovato da parte del ministro – ha asserito il Governatore toscano – piena e positiva attenzione alla nostra richiesta di un intervento rapido per verificare le condizioni di sicurezza alimentare e garantire la salute dei cittadini, tanto da rendere possibile l’apertura dell’Istituto di sanità anche in un giorno festivo. Di questo lo ringrazio».

Foto: www.polpen.it

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »