energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Empolese Val d’Elsa, la nuova frontiera del turismo Turismo

Firenze – Cresce, e cresce molto, la presenza turistica nell’Empolese Val d’Elsa, territorio bellissimo e magico di una Toscana sempre più in cima ai sogni e ai desideri dei travellers di professione e dei semplici vacanzieri di qualsiasi provenienza. Una crescita che si pone molto al disopra della media regionale: gli arrivi e le presenze che si registrano nel territorio dal 2000 rispetto al 2014 segnalano un aumento del 51% per quanto riguarda gli arrivi e del 44% per le presenze turistiche nell’arco degli ultimi 15 anni.

I dati vengono forniti dall’analisi compiuta dal Centro Studi Turistici, che, comparando quelli regionali e quelli della provincia di Firenze, dà conto di questo “balzo” dell’Empolese Val d’Elsa: nello stesso periodo infatti, la crescita di arrivi e presenze si è assestata, rispettivamente, al 25,2% e al 17,2% per la Regione Toscana nel suo insieme, e al 28,1% e 31,4% per tutta la provincia di Firenze. Mentre gli undici comuni dell’Empolese Valdelsa hanno fatto registrare, come sottolinea il CST, il 51% di arrivi e il 44% di presenze in più, dati che superano abbondantemente la media provinciale e sono più del doppio di quella regionale.

I dati riguardano i pernottamenti alberghieri ed extralberghieri, in modo da monitorare arrivi (il numero di persone che pernotta), presenze (il numero totali di notti pernottate) e permanenza media (notti mediamente pernottate da ogni singolo arrivo), dando una misura del lavoro che si è potenzialmente creato in questi anni sia per le strutture ricettive, che per l’indotto legato al turismo.

vinciMa il dato più importante, come ribadisce il Centro, riguarda la crescita delle presenze. Infatti,  oltre a quante persone arrivano sul territorio, è il loro permanere la vera cartina di tornasole circa l’attrattività turistica della zona: la “permanenza media” del turista nell’Empolese Valdelsa, a fronte di un aumento record in termini di arrivi, era a quota 5,6 notti nel 2000 e risulta ancora a quota 5,3 nel 2014. Il segnale è positivo, in quanto la crisi non ha eroso la tendenza dei turisti di quest’area a permanervi per periodi lunghi,  “più lunghi rispetto alla permanenza media regionale (3,7 giorni nel 2000, 3,5 giorni nel 2014) e a quella provinciale (2,6 giorni nel 2000, 2,7 giorni nel 2014)”. Andamento condiviso anche  tra i singoli comuni dell’Empolese Valdelsa, come si legge nell’analisi del CST e nonostante le variazioni percentuali diverse tra i vari comuni dell’Area.

E’ il sindaco di Certaldo Giacomo Cucini, delegato al Turismo per l’Unione cucini_giacomo01-150x150dei Comuni, a esprimere la soddisfazione degli operatori e delle amministrazioni dell’area, oltre a lanciare un indirizzo per il futuro: ” L’obiettivo dell’Empolese Valdelsa è migliorare ancora di più e farci conoscere con una proposta unica all’interno del mercato internazionale del turismo, con tutte le nostre caratteristiche maggiormente spendibili. Per questo da qualche anno abbiamo scelto di lavorare insieme e di concentrarci su promozione e immagine coordinate del nostro territorio”. Utilizzando anche strumenti promozionali nuovi, come la presenza  al Fuori Expo, “che sarà il trampolino di lancio per un territorio che si presenta in un modo nuovo e coordinato”. Insomma, la strada è tracciata per far crescere un comparto che rappresenta un vero e proprio volano di sviluppo economico per l’intera area.

L’appuntamento con le eccellenze e le caratteristiche uniche di questo magico territorio è al “Fuori Expo” organizzato dalla Regione Toscana a Milano, in via Daverio 7, dal 22 al 28 settembre 2015, con eventi, cooking show, spettacoli e degustazioni. In rete, è presente online con il sito www.toscananelcuore.it.

montespertoli_vigneti

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »