energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Empoli sconfitto da Inter chiude straordinaria stagione Sport

Firenze – Si chiude con una sconfitta indolore contro l’Inter la stagione straordinaria dell’Empoli, tra sorrisi e abbracci per un’annata che rimarrà nella storia della società toscana. Salvezza raggiunta con 5 giornate d’anticipo, gli occhi di tutta la serie A addosso per aver espresso un calcio moderno e bello da vedere e aver portato alla ribalta tanti giovani interessanti. Il vero protagonista però rimane Maurizio Sarri, allenatore alla prima esperienza in serie A che ha saputo imporre la propria filosofia di gioco incantando un campionato avaro di spettacolo. E probabilmente l’emozione evidente a fine partita ha un significato particolare perchè forse è stata l’ultima volta di Sarri sulla panchina azzurra. Il futuro ancora non è chiaro, ma le dichiarazioni dei giorni scorsi fanno pensare ad un divorzio consensuale per il desiderio dell’allenatore toscano di confrontarsi con realtà più importanti. E le offerte non mancano a partire dalla Sampdoria che saluterà Mihajilovic dopo il raggiungimento dell’Europa League. Lunedì scioglierà i dubbi, parlando con la dirigenza e chiedendo di poter trattare con altre squadre.

Intanto stasera l’Empoli esce sconfitto 4-3 da San Siro in una serata rocambolesca, con un Inter padrona del campo e gli azzurri sotto assedio. Il primo tempo termina incredibilmente 0-0 ma nella seconda frazione l’uno-due firmato Palacio Icardi in 4 minuti sembra porre la parola fine al match. Ma il solito blackout difensivo permette a Michdelidze e a Pucciarelli di aggunatare un pareggio insperato. Ma stasera l’Inter c’è e con Brozovic prima e Icardi poi chiudi i conti, con l’argentino che raggiunge Toni nella classifica cannonieri a quota 22. Il finale è ancora assalto Inter che cerca di far segnare ancora Icardi, riuscendo invece a far siglare a Michdelidze la sua doppietta personale con l’ennesima disattenzione difensiva. Alla fine è festa Empoli, con qualche lacrime per chi se ne andrà (e saranno in tanti) e la convinzione di aver scritto una pagina di storia importante del club.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »