energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Endometriosi: parte la campagna di A.P.E. Onlus Notizie dalla toscana

Calenzano (Firenze) – Da anni l’ A.P.E. Onlus Associazione Progetto Endometriosi (www.apeonlus.com) – un gruppo di donne affette da endometriosi che si basa sul reciproco sostegno, conforto e aiuto –  è impegnata in un’importante campagna di sensibilizzazione sull’endometriosi, malattia cronica e dolorosa che affligge in Italia oltre 3 milioni di donne in età fertile e nel mondo circa 150 milioni. Nell’ambito della sua attività di informazione, sensibilizzazione e sostegno alle donne affette da questa malattia, il Gruppo volontarie A.P.E. Onlus di Firenze , organizza per sabato 23 maggio dalle 9.30 alle 13.00, presso il Centro Fitness Golden Club di Calenzano (Fi), una campagna di sensibilizzazione sull’endometriosi con attività di fitness in sala e in piscina e di ginnastica posturale.

L’unico modo per affrontare l’endometriosi è informare e prevenire. Informare le giovani donne che non è normale soffrire durante il ciclo, che non è normale fare l’amore e avere dolore nel retto o sotto la pancia, che non è normale avere sempre la cistite o il colon irritabile. Insieme si può uscire dal silenzio e avere una vita migliore.

La partecipazione alle attività è aperta a tutti con un contributo di 5 euro, che andrà a favore dell’A.P.E. Onlus.

 

Info: firenze@apeonlus.com  Centro Fitness Golden Club, Via Baldanzese 125, Calenzano tel. 055. 8827821

 

A.P.E. ONLUS è un’associazionesenza scopo di lucrochenasce nell’ottobre del 2005 su iniziativa di un gruppo di donne, con esperienza di endometriosi vissuta sulla propria pelle o con storie di volontariato attivo in altre realtà. Dal 6 aprile la presidente è Annalisa Frassineti, del gruppo Forlì – Cesena – Ravenna. L’obiettivo principale di A.P.E. Onlus è quello di diramare notizie e informazioni sulla malattia così diffusa, ma così poco conosciuta. Attraverso il racconto di esperienze e testimonianze si vuole porre una crescente attenzione verso una patologia di cui gli stessi specialisti sovente sottovalutano le diverse implicazioni. Creare una rete di collegamento con altre associazioni per ottenere diritti e riconoscimento da parte delle strutture pubbliche e della legislazione per campagne di sensibilizzazione tra le donne, in consultori e presso i medici di base.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »