energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Erasmus+: il 14% dei finanziamenti a progetto targato Unipi STAMP - Università

Pisa – Ha ricevuto il punteggio più alto e un finanziamento di quasi 450 mila euro, risultando la proposta che si è aggiudicata ben il 14% del budget complessivo italiano. Si tratta di “EU-COMPETE”, EUropean network of COMPetences for Entrepreneurship, il progetto presentato dall’Università di Pisa alla prima call di Erasmus+, il nuovo programma dell’Unione Europea per l’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport, nell’ambito dell’azione 2, quella che riguarda i partenariati strategici.

“EU-COMPETE”, presentato da Gualtiero Fantoni (nella foto), ricercatore del dipartimento di Ingegneria civile e industriale dell’Ateneo pisano, mira a sviluppare un approccio innovativo per favorire la nascita e l’aumento di competitività delle start up europee, coinvolgendo tre università e quattro aziende provenienti da tre paesi diversi: Università di Pisa, capofila di progetto, CEDIT (Centro Diffusione Imprenditoriale della Toscana) e Polo Tecnologico di Navacchio dall’Italia, University of Surrey e l’azienda iVeridis dal Regno Unito, la University of Southern Denmark e l’azienda Blue Ocean Robotics dalla Danimarca.

«Università e aziende lavoreranno insieme con l’obiettivo di incrementare le probabilità di successo del progetto imprenditoriale delle nascenti start up – spiega Fantoni – nonché per aiutare le imprese già costituite a superare la cosiddetta “valle della morte” del processo di sviluppo dell’impresa, consentendo loro di crescere in maniera più rapida e solida”. In particolare, gli obiettivi del progetto EU-COMPETE sono progettare e testare un nuovo programma per la formazione e il training allo sviluppo di impresa attraverso nuove soluzioni per lo scouting di opportunità, per la valutazione tecnico-economica della potenzialità delle idee, nonché per la prototipazione di tecnologie e modelli di business; progettare e testare nuove iniziative di supporto, includendo sistemi innovativi di coaching e sostegno “sul campo”, attraverso un processo di “adozione” delle nascenti startup da parte di aziende estere di successo; sviluppare materiali didattici su diverse piattaforme, da rendere disponibili per gli stakeholder di riferimento in ambito europeo.

Alla presentazione del progetto hanno contribuito anche gli uffici Internazionalizzazione, Valorizzazione della ricerca e Job placement dell’Università di Pisa, uffici che saranno coinvolti in prima persona nelle attività di progettazione e di lavoro di “EU-COMPETE”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »