energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Erp, arriva il bando aperto e modalità nuove di assegnazione Cronaca

Firenze – Assegnazione case popolari, arrivano delle novità. La prima, è quella del “bando sempre aperto”, ovvero del bando che non risente della necessità di rinnovarlo ogni due anni. La seconda, nuove modalità di assegnazione, fra cui, tra l’altro, la possibilità di assegnare temporaneamente il 2% degli immobili a chi ha subìto danni a causa di calamità naturali. 

Sono queste dunque le due novità più evidenti contenute nel Regolamento delle modalità di assegnazione e utilizzo degli alloggi di edilizia residenziale pubblica di proprietà dei Comuni del Lode fiorentino di cui la Giunta comunale ha preso atto nella seduta di venerdì scorso. Il Regolamento dovrà andare adesso all’esame del Consiglio comunale.

“La novità principale è questa: per l’emergenza abitativa (se c’è morosità incolpevole ad esempio) la casa non viene più assegnata per punteggio, ma vieni cooptato nella graduatoria dell’emergenza abitativa. L’assegnazione verrà fatta in base a ciò che decide la commissione a ciò preposta, e sarà
transitoria”, 
spiega Laura Grandi, segretaria del Sunia.

In base al Regolamento approvato dalla Conferenza del Lode fiorentino, il Comune di Firenze ha stabilito che il 35% degli alloggi annualmente disponibili sarà così ripartito per l’assegnazione: il 25% alla spetterà alla ‘Graduatoria emergenza sfratti’ e il 10% alla ‘Graduatoria emergenza abitativa’. 
Nello specifico della ‘Graduatoria emergenza abitativa’, l’8% sarà riservato alle segnalazioni dei Servizi sociali territoriali operanti sul territorio fiorentino, mentre il 2% sarà destinato temporaneamente a coloro che hanno subìto danni da calamità naturali come ad esempio nubifragi e terremoti. 

“Le novità previste in base al Regolamento sono state rese possibili grazie alla nuova legge regionale sulla casa a firma dell’assessore Saccardi – ha detto l’assessore Funaroe ci consentono di dare in maniera più rapida risposte alle persone in difficoltà, ovvero a coloro che sono in stato di emergenza, o perché sono sotto sfratto o perché hanno la casa danneggiata a causa di un nubifragio, oppure perché sono in condizione di fragilità socio-sanitaria o sociale”.

“Inoltre, oltre alle assegnazioni standard degli alloggi popolari – ha concluso Funaro – la nuova legge regionale e il regolamento del Lode fiorentino ci hanno dato la possibilità di optare per tenere il bando per gli alloggi Erp sempre aperto, riuscendo così ad avere una fotografia in tempo reale della situazione dei vari nuclei familiari”. 

Il Comune inoltre ha deciso, nell’ottica di una più ampia e condivisa partecipazione, che nella Commissione Erp e Mobilità oltre ai rappresentanti della Direzione dei Servizi sociali dovrà esserci da ora in avanti anche un rappresentante del Sindacato nazionale unitario inquilini.

Un’altra importante novità intanto riguarda la Commissione del disagio abitativo che riguarda la “graduazione” degli sfratti: secondo quanto giunge dalla Prefettura, infatti, si riunirà il prossimo novembre.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »