energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Esce il cd dello Zecchino: 12 canzoni d’Oro Spettacoli

Parte oggi, in diretta, alle 17 su Rai 1 lo Zecchino d'Oro. Il Maestro Siro Merlo dal 1989 segue, dapprima come arrangiatore, ed in seguito anche come produttore artistico, la discografia dello Zecchino d’Oro. La sua prima canzone, neanche a farlo apposta, fu “Corri corri topolino”, del lucchese Nikolas Torselli, che vinse quell’edizione, l’ultima volta che la Toscana ha vinto lo Zecchino d’Oro. Ogni anno all’Antoniano di Bologna arrivano in media 3-400 canzoni per partecipare allo Zecchino, punta massima, oltre 600, nel 1966, primo anno in cui vinse la Toscana. Canzoni che vengono selezionate da una apposita giura, composta da esperti del settore televisivo e della discografia, che cambiano ogni anno, oltre a membri interni, fissi, dello staff dell’Antoniano.  Da quest’anno la giuria seleziona anche le canzoni straniere. Canzoni che spesso vengono ripresentate di anno in anno. “Bolle di sapone” è stata presentata per 20 anni, “Tagliatelle di nonna Pina” per 4 anni, prima di essere presa e diventare un tormentone-successo.

Tra i membri fissi il Maestro Siro Merlo, dal 2001 sposato con Sabrina Simoni, direttrice del Piccolo Coro. “Le canzoni dello Zecchino – mi dice il Maestro Siro –  hanno tutte una gran particolarità: ‘diversi livelli di lettura’. Questi livelli  di lettura corrispondono al cuore, alla sensibilità, all’anima dell’ascoltatore. Il primo livello è quello dell’infanzia, dove un bambino deve già assaporare sensazioni, emozioni. Però fra le righe, attraverso le parole, i simboli, le metafore, si può scendere all’infinito, comunque in gran profondità”.

Secondo il Maestro Siro oggi, più di prima, mancano gli autori genuini, spesso giocano “d’astuzia” anche loro nello scrivere un pezzo, affinché possa essere scelto. In tutte le manifestazioni canore si identifica l’interprete con l’autore. Invece l’autore è quello che più delle volte ci ha anche lasciato una gran fetta di anima, il più delle volte. Ormai si pensa che saper scrivere delle parole in metrica su una musica, su una linea melodica, voglia dire essere un autore. Non è cosi, la canzone è una terza cosa. La canzone è un'altra cosa, dando come dogmi di base la melodia e il testo. L’unione felice, e sottolineo felice, di queste due entità, crea la canzone. E’ qualcosa di più, perché il risultato arriva direttamente, non si sa come, per vie subliminali, al nostro cuore, al nostro cervello, alla nostra anima. Mi fa piacere vedere che c’è una nuova generazione che sta nascendo, soprattutto tra le produzioni indipendenti, ma che non hanno  mercato e fanno fatica a venire fuori”.

Il 55° Zecchino presenta alcune scelte coraggiose: ci sono canzoni che appartengono a generi musicali che raramente arrivano all’infanzia; ad esempio il blues, il tango argentino e il sirtaky. Nella realizzazione il Maestro Merlo ha usato anche strumenti ormai meno conosciuti: come il flauto da naso o il marranzano. “Uno dei temi ricorrenti nell’edizione di quest’anno è quello delle favole, anche se talvolta in modo poco ortodosso. Infatti il piccolo Giovanni, fiorentino, interpreta il ‘Lupo Teodoro’ mettendo in luce un diverso aspetto di colui che nelle favole è il cattivo per antonomasia”. 

Il lavoro del Maestro Merlo,quindi, non è semplice: dopo la scelta delle canzoni lavora con gli autori per “limare” i difetti tecnici che potrebbero creare problemi ai piccoli esecutori, cura gli arrangiamenti, per poi entrare a primavera in sala d’incisione con il coro, e, a settembre, con i piccoli autori. Praticamente il master del cd viene consegnato per la stampa in migliaia di copie solo verso la fine di ottobre, poche settimane prima dello Zecchino. “ Io metto un grande amore in tutte le cose che faccio. Il Cd dello Zecchino è una cosa che seguo ormai da anni come Produttore Artistico, è un prodotto che amo profondamente perché credo nella musica per l’infanzia”.

Il Maestro non lo dice, ma si intuisce ampiamente parlando con lui: questi cd li considera tutti "figli" suoi – e non perchè per una coincidenza, buona parte gli ha fatti con la sua moglie, Sabrina Simoni – ma perchè l'amore che  ha profuso è stato uguale a quello che un buon padre mette nel tirare su un figlio. I figli non a caso sono anche considerati l'eredità di un padre, e il Maestro Merlo lascia una buonissima quanto significativa eredità musicale nel panorama della musica per l'infanzia.

Intanto all’Antoniano si lavora freneticamente per mettere a punto lo studio televisivo e per curare nei minimi particolari le riprese di ogni canzone. I bambini scelti in tutta Italia dallo scorso 15 novembre sono ritornati a Bologna. Tutti i giorni provano da soli e con il Piccolo Coro Mariele Ventre, diretto da Sabrina Simoni. Da oggi pomeriggio,  e fino a sabato 24, tutti i giorni alle ore 17 diretta in Mondovisione su Rai 1 con la 55ma edizione.

Come sempre 12 le canzoni in gara, solo che quest’anno salgono le italiane, 9, e scendono qurlle  straniere, 3, con le quali il repertorio dello Zecchino d'Oro arriva a 706 brani. 14 i piccoli interpreti, di cui undici provenienti da nove diverse regioni d'Italia e tre originari di Argentina, Ecuador e Grecia, mentre sono 50 i bambini del Piccolo Coro. Ancora una volta a condurre quella che rimane in tutto il Mondo la più famosa Rassegna Internazionale di Canzoni per l’Infanzia  la coppia Veronica Maya e Pino Insegno, coppia ormai collaudata dal 2010.

Ogni giornata è dedicata ad un continente, e una giuria giudicherà i brani: Martedì 20, Asia, sarà assegnato lo Zecchino rosso. Presidente di giuria Amadeus. Mercoledì 21, Africa, sarà assegnato lo Zecchino bianco. Presidente di giuria Tosca d'Aquino. Giovedì 22, America, sarà assegnato lo Zecchino blu. Presidente di giuria Tiberio Timperi. Venerdì 23, Oceania, sarà assegnato lo Zecchino verde. Presidente di giuria Licia Colò. Sabato 24, Europa, 20 bambini assegneranno lo Zecchino d'Oro.

Anche quest'anno 12 personalità di rilievo nel mondo della cultura e dello spettacolo hanno aderito ad “Adotta una canzone”, impegnandosi a “promuovere” i brani e a sostenerli, per testimoniarne ulteriormente il valore. Miriam Leone sosterrà “Le galline intelligenti (ma sgrammaticate!)”, Francesco Giorgino “Il mondo delle fiabe (la ballata del principe azzurro)”,  Noemi “Il blues del manichino”, Annalisa Minetti “Quello che mi aspetto da te”, Giancarlo Magalli “Lo gnomo Deodato, Giovanni Muciaccia“Il mio nasino”,  il fiorentino Carlo Conti supporterà “Il Lupo Teodoro” interpretata dal piccolo fiorentino, Giovanni Barelli, 6 anni, Massimiliano Ossini “La banda sbanda”,  Mara Venier “La tarantella della mozzarella”, Marco Liorni “Verso l’aurora”, Carla Fracci “Il sirtaki di Icaro”.

In concomitanza con l'avvio della trasmissione, si celebrerà la 23ma Giornata Mondiale dei Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza, ed è proprio ai diritti dei bambini e delle mamme che è dedicata la nuova campagna solidale “Casa Ninna Mamma – Un tetto per nascere” che Antoniano onlus lancerà durante la prima puntata. Il progetto, destinato al miglioramento delle condizioni di salute di mamme e bambini in Mozambico, porterà alla costruzione di 5 Case di Accoglienza e Cura per donne incinta e di una Casa Famiglia per i bambini rimasti orfani a causa del virus dell'HIV, ma anche per le mamme con figli che necessitano della terapia retrovirale.

Dal 20 al 30 novembre, 24 ore su 24, sarà possibile sostenere la campagna contattando il numero 45595. Si potrà donare: 1 euro con sms da Telecom, Vodafone, Wind, 3, Poste Mobile, CoopVoce, Noverca; 2 euro da telefono fisso con TeleTu e TWT; 2 o 5 euro con Telecom e Fastweb.

Nella giornata di sabato 24 novembre, i bambini del Piccolo Coro "Mariele Ventre" dell'Antoniano di Bologna, sfileranno con indosso le divise dei decenni passati, che tanti ex-coristi hanno recuperato per l'occasione: sarà un modo per anticipare i festeggiamenti di un'importante ricorrenza, ovvero i 50 anni del Coro che si celebreranno nel 2013.

Rai Yoyo, il canale tematico per l'infanzia, manderà in onda lo Zecchino d'Oro in replica, dal martedì al venerdì alle 20; la puntata del sabato andrà in onda domenica 25 novembre alla stessa ora.

Tutte le puntate dello Zecchino saranno inoltre trasmesse sui Canali di RaItalia.

Il programma è sottotitolato per i non udenti alla pagina 777 di Televideo.

Sul web si potrà seguire la manifestazione collegandosi ai siti Rai www.zecchinodoro.rai.it oppure  www.zecchino.org.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »