energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Estate Fiorentina 2019, dal centro alla periferia Firenze diventa spettacolo Breaking news, Cronaca

Firenze – Le immagini iconiche dei personaggi dell’arte e della storia fiorentina, dal Biancone alle tre grazie del Botticelli, fino a Leonardo e Dante Alighieri, rivisitati in chiave pop, anni Sessanta, ci accompagneranno per i prossimi mesi e saranno gli emblemi per l’Estate fiorentina disegnati da Alessandra Marianelli che è stata scelta per l’edizione 2019 presentata stamattina nel Salone dei Cinquecento. Grandissimo il numero dei partecipanti, tutte le associazioni coinvolte nel grande programma di iniziative che si svolgeranno sul territorio fiorentino da maggio fino ad ottobre e che è stato presentato dal sindaco Dario Nardella e dal curatore della manifestazione Tommaso Sacchi.

Tanti eventi che dal centro si espandono fino alla periferia, che guarda Firenze dall’alto delle sue terrazze, che popola il grande Parco delle Cascine riscoprendo alcuni luoghi come la Cavea del Teatro dell’Opera destinato a diventare uno dei poli per la musica in città. Tanti i nomi, tra questi Roberto Bolle, I Cure, Woody Allen, Francesco De Gregori e forse anche Manuel Agnelli testimonial a sorpresa. “Firenze usa i suoi spazi per queste attività culturali – ha detto Manuel Agnelli – è una cosa intelligente, una città unica al mondo, farlo porta vita, consente alle persone di fruire, abbiamo bisogno di tornare a nutrirci di cultura ed è una delle cose che economicamente il nostro paese deve sviluppare perché fa parte del nostro DNA. Con Tommaso collaboro da anni, questa estate spero di trovare l’occasione per tornare all’Estate Fiorentina. Quest’anno sono 143 i progetti ammessi, di cui 9 strategici, con 24 nuove associazioni che prenderanno un contributo. Il budget complessivo è pari a un milione e 75 mila euro. Numeri in costante crescita dal 2015, quando i soggetti coinvolti furono 96 e le risorse destinate all’Estate furono 450 mila euro.

“Siamo entusiasti – ha dichiarato il sindaco Nardella – che anche quest’anno riusciamo a offrire a cittadini e turisti un programma di qualità all’altezza della nostra città che coinvolge non solo moltissime associazioni ed enti del territorio, ma riesce ad esaltare ulteriormente e a far vivere tutta Firenze, dal centro alle periferie, perché secondo noi la cultura è il miglior antidoto all’insicurezza e al degrado”.“Dopo cinque anni – ha sottolineato il curatore Sacchi – è tempo di fare un bilancio: la nostra Estate è cresciuta in maniera sorprendente con un susseguirsi di stagioni sempre più ricche ed eterogenee, creando un unicum del suo genere a livello nazionale. Del grande impegno di questi anni mi piace ricordare la grande attenzione alle periferie, portando eventi anche nelle piazze e nelle aree meno centrali e il ruolo chiave di alcuni luoghi ritrovati, come la Manifattura o il Forte di Belvedere che ospiterà una nuova, grande mostra di arte contemporanea, e delle tante associazioni culturali che hanno creduto nell’Estate e hanno portato progetti di sempre maggiore qualità”.

Tra i luoghi privilegiati dall’Estate c’è il Parco delle Cascine, che vedrà eventi praticamente disseminati ovunque, dalla Palazzina dell’Indiano PIA all’ex scuderie Fabbri con il nuovo PARC di Fabbrica Europa, dall’anfiteatro al prato del Quercione, dal Visarno con il Firenze Rocks allo Sferisterio. E poi la cavea del teatro del Maggio, che diventa sede di un vero e proprio festival nel festival, la Manifattura Tabacchi, e nuovi spazi estivi lungo l’Arno sul Lungarno del Tempio e Lungarno Pecori Giraldi, dove proprio il fiume sarà protagonista delle notti culturali estive.Nove come detto i progetti strategici: Firenze dall’alto, sei appuntamenti musicale tra giugno ed agosto sopra alcune delle più belle terrazze di Firenze, da quella del museo degli Innocenti al camminamento di ronda di Palazzo Vecchio; Secret Florence, ovvero la scoperta dei luoghi inediti della città, dal 9 al 16 giugno in concomitanza con Pitti Uomo; Apriti cinema nel piazzale degli Uffizi, dal 26 giugno all’8 agosto; Musica sui sagrati delle Chiese fiorentine, da giugno ad agosto; Florence Dance Festival che torna a Santa Maria Novella con tra gli altri l’etoile Sergei Polunin; Musart Festival in piazza Santissima Annunziata a luglio; Firenze Jazz Festival in Oltrarno e Genius Loci a Santa Croce, entrambi a settembre. Gradito ritorno anche per l’Eredità delle donne, festival ideato da Serena Dandini (che ha inviato un videomessaggio) e che apre una call proprio oggi per associazioni, imprese, istituzioni, liberi professionisti e gruppi che potranno presentare le loro proposte (https://ereditadelledonne.eu/) per entrare a far parte del cartellone OFF. Moltissimi gli eventi in periferia, dal Cinema Tascabile al Grillo swing, dal Cirk Fantastik all’Estate a San Salvi, dal Florence Folks Festival al Festival dei Corti, dalla Città dei lettori al festival internazionale di poesia.

Nel 2018 i numeri dell’Estate Fiorentina furono molto positivi: 1300 eventi (+30% rispetto al 2017), sei progetti strategici, 11 spazi, oltre 150 soggetti culturali coinvolti per circa un milione di presenze complessive di cui 200 mila per il festival Firenze Rocks, 64 mila per il cinema all’aperto, 40 mila per il Jazz Fringe Festival, 25 mila per l’Eredità delle donne, e 20 mila per Musart.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »