energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Europa League: Fiorentina a Minsk pensando all’Inter Sport

Firenze – Questa sera ore 19 sul campo di Borisov in Bielorussia la Fiorentina scende in campo per la seconda giornata di Europa League. Battere la Dinamo Misk è l’imput che si è dato Vincenzo Montella convinto che i punti portati a casa siano fonte di nuove energie in questo momento turbolento per poi continuare il filone positivo in campionato nel posticipo di domenica sera contro l’Inter : “Stiamo bene e lasceremo il segno. Prendere i tre punti ci restituirebbe entusiasmo”.  Ma torniamo alla Dinamo. Battere i bielorussi per andare avanti in Coppa, la Fiorentina è prima nel girone K insieme al Paok Salonicco, squadra che alla Dinamo ha rifilato la bellezza di 5 reti.

Il tecnico viola deve fare delle scelte in campo che non vadano a compromettere i due appuntamenti di questa settimana. Si pensa ad un 4-3-2-1, ma tutto dipenderà da come Montella vorrà schierare la squadra, se ad albero di Natale o puntando ai giovani del gruppo. Turnover in porta, Neto lascerà il posto a Tatarusanu già impiegato nella prima sfida di Europa League contro il Guingamp con un debutto positivo. I dubbi principali vengono dal reparto difensivo, staffetta continua tra Alonso e Pasqual, in questo caso il primo avvantaggiato a vestire una maglia da titolare nell’eventualità in cui Montella decida di schierare una difesa a tre.

Richards potrebbe essere uno dei papabili, reduce da una buona gara contro il Torino, sul piano fisico però non è ancora al 100% e forse verrà risparmiato per riacquisire una forma top con l’Inter. Conferme invece per Tomovic come centrale e Basanta come esterno destro. A centrocampo e’ dato per sicuro Aquilani, in forma ottimale e pronto per entrambe le sfide, lo stesso vale per Pizzarrro, con opzione su Badelj nonostante il suo contributo fino ad adesso non abbia entusiasmato gli animi.

Per Vargas l’Europa League potrebbe essere ormai la sua dimensione definitiva. Kurtic, in eccellente forma ed entrato di getto in questa squadra, sarà utile in campionato. Si candida per un posto Lazzari. Dulcis in fundo, largo ai giovani, Bernardeschi parte titolare: “Da dodici anni vesto questa maglia, per me è un sogno”. Ha già messo il suo marchio in questa competizione con il gol al Guingamp e potrebbe essere utilizzato come seconda punta o come trequartista alle spalle di una punta principale come Babacar, che se non impegato, per un meritato turno di stop, lascera’ posto a Ilicic come centrocampista, falso nueve. E parlando di giovani, una piccola chance potrebbero averla anche i più piccoli del gruppo convocati: Mancini e Bangu.

Nel frattempo sul fronte Cuadrado ancora sirene provenienti dal mercato. Aspettando la tanto chiacchierata firma per il rinnovo del contratto, arrivano rumors dall’Inghilterra. Il Manchester United avrebbe pronti trenta milioni di sterline (38 milioni di euro) per cercare di convincere la società viola a cedere alla richiesta del club inglese. Manchester reduce da una sontuosa campagna aquisti estiva ( 250 milioni di euro spesi) ma che purtroppo fino ad adesso non ha portato i risultati sperati.

Difficile che la Fiorentina si privi di uno dei suoi migliori giocatori nel mercato di gennaio almeno che non ci sia richiesta diretta del giocatore. Intanto continua a restare aperta l’ipotesi di un ritorno in maglia viola di Adrian Mutu. Già in estate c’erano state voci che lo affiancavano al club gigliato ma la richiesta era stata eccessiva e quindi non andata in porto, oggi il giocatore vestirà la maglia del Pune, società indiana che ha stretto una partnership con la Fiorentina e se a gennaio l’emergenza in attacco dovesse ancora esserci e Mutu dimostrerà come in Romania di avere ancora qualità potrebbe essere  il ritorno del ragazzo degli “inchini” che tanto ha fatto sognare la sua Firenze.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »