energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Evade 3 milioni con merendine snack e bibite Cronaca

Prato – Difficile pensare che dietro gli apparecchi di distribuzione automatica di bibite, snack e merendine possa celarsi una consistente evasione fiscale per milioni di euro. A rivelarlo una verifica fiscale condotta dal Gruppo della Guardia di Finanza di Prato nei confronti di una società (una S.R.L.) operante nel settore della produzione, lavorazione e confezionamento di prodotti per distributori automatici. 

I verificatori sono riusciti a dimostrare come dietro una apparente regolarità si celasse una significativa componente evasiva, perpetrata nel senso più puro e diretto del termine, ovvero tramite la classica mancata dichiarazione della quasi totalità dei proventi percepiti, palesemente non in linea con il volume d’affari ottenuto negli ultimi anni. 

Monetina dopo monetina i finanzieri hanno infatti ricostruito le movimentazioni di merce e di denaro dell’azienda, che avrebbe occultato e sottratto la maggior parte dei proventi all’imposizione fiscale, nella convinzione che nessuno avrebbe mai conteggiato tutti quegli spiccioli contenuti in decine e decine di macchinette dislocate il vari luoghi sul territorio pratese (uffici, esercizi pubblici, locali vari ecc.). 

A consentire l’evasione la semplice, metodica ma costante mancata fatturazione delle consumazioni acquistate tramite i vari distributori automatici. Ad evidenziarla un certosino accertamento dei finanzieri, che merendina dopo merendina hanno faticosamente ricostruito il reale magazzino della società, costituito per la maggior parte da snack e bevande, calcolato gli acquisti e le vendite degli ultimi 3 anni e ricostruito le reali rimanenze di magazzino con quanto effettivamente fatturato contestando circa 3 milioni di euro fra imposte dirette, I.V.A., I.R.A.P., nonché ritenute non operate su una decina di lavoratori a nero, già segnalati dalla competente Direzione Territoriale del Lavoro di Prato. Il rappresentante legale della società è stato quindi denunciato alla locale Procura della Repubblica per infedele dichiarazione dei redditi.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »