energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Export e infrastrutture, ricetta anticrisi Economia

«Il sistema produttivo toscano attraversa un momento critico, lo sappiamo, come del resto tutto il Paese». Lo dice senza giri di parole il neo presidente di Confindustria Toscana, Pierfrancesco Pacini, incontrato a margine di un evento organizzato dall’associazione toscana dei Cavalieri del Lavoro. Come se ne esce? «Potenziare l’export, anche attraverso l’azione di enti come Toscana Promozione –  spiega Pacini – Prestare maggiore attenzione al tema importantissimo delle infrastrutture e agevolare il credito, ponendo anche maggiore attenzione al rapporto con il Confidi regionale e con i vari fondi di supporto».  Nel caso della Richard Ginori, ad esempio, la crisi dell’azienda è legata a problemi finanziari e non al mancato assorbimento della produzione sul mercato. « Probabilmente ci vorrebbe un fondo di investimento che si aggiunga a quello della società dell'attuale presidente – aggiunge il presidente – D’altro canto le imprese hanno bisogno di credito e le banche hanno difficoltà oggettive di raccolta e di bilanci, per cui il problema è grosso». E sulla riforma del mercato del lavoro Pacini asserisce: «Siamo molto favorevoli alla riforma del mercato del lavoro,  la posizione del governo Monti va difesa e la riforma va fatta senza drammatizzare, senza scontri, cercando di trovare una soluzione condivisa».  Secondo Pacini la riforma, compresa la modifica dell'articolo 18, «è importante anche per i giovani, per cui vogliamo preparare una strada, perché avere una flessibilità maggiore in entrata e in uscita è importante, e lo è anche per gli investitori stranieri, che chiedono qualche certezza in più rispetto a quelle che hanno oggi per poter investire in Italia». 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »