energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Fabbrica bruciata, ordinanza del sindaco contro odori e spandimenti Breaking news, Cronaca

Firenze – Un sopralluogo effettuato dal sindaco Dario Nardella e dall’assessore Andrea Vannucci sul luogo dell’incendio che ha coinvolto la Silo spa, e un’ordinanza per “evitare spandimenti” di sostanze o “fuoriuscite di odori” dalla Silo spa, la fabbrica con sede in via di San Bartolo a Cintoia distrutta martedí scorso da un incendio, è stata firmata ieri sera dal sindaco.

Il titolare dovrà attivarsi con urgenza per “eliminare, ove possibile, il materiale disperso e prodotto nell’incendio e presente nell’area dello stabilimento o nelle immediate vicinanze, secondo la normativa vigente in materia di smaltimento rifiuti” e “coprire o sigillare, in modo da bloccare eventuali spandimenti o fuoriuscita di odori, quanto presente in aree nelle quali non può intervenire per motivi giudiziari, previo accordo con l’autoritá giudiziaria”.

Nell’ordinanza si ricorda la nota dell’Azienda sanitaria locale inviata ieri al Comune nella quale viene evidenziato “il perdurare di odore nauseante che crea forti disagi e anche alcuni episodi di irritazione di vie aeree, pur evidenziando che quanto percepito non riveste carattere di tossicità”.

L’ordinanza potrà essere integrata “a seguito della acquisizione di eventuali relazioni relative alle indagini attualmente in corso da parte di Asl e Arpat in merito all’impatto sui vegetali dei terreni circostanti e sui corsi d’acqua interessati dalle acque di drenaggio utilizzate per lo spegnimento dell’incendio”. Asl e Polizia municipale vigileranno sul rispetto del provvedimento.

Sulla questione, interviene con un’interrogazione anche il gruppo comunale consiliare di Fratelli d’Italia, che chiede al sindaco “se in seguito all’incendio  è stata controllata o quando sarà controllata:

a) la qualità dell’acqua potabile e della rete idrografica nel raggio di un km dal sito in oggetto;

b) se ci sono stati sversamenti che superano le soglie di legge nei fossi o nel fiume Greve

c) la qualità dell’aria nel raggio di un km dal sito in oggetto”.

L’interrogazione è stata motivata anche dal rinvenimento di pesci morti nella Greve nell’area della fabbrica e di alcuni volatili a terra, come si dice nella parte introduttiva.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »