energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Facce da Rock: il pubblico colorato e bizzarro del Visarno Cultura, Foto del giorno

Firenze – Facce allegre e curiose, impeccabili e bizzarre, di ogni età. Erano queste le facce del pubblico di Firenze Rocks 2018, il festival di musica rock più importante d’Italia che entusiasmava lo scorso giugno oltre 200.000 persone provenienti da tutto il mondo.

E le stesse facce sono esposte in questi giorni nella mostra fotografica Shoot Me Rock realizzata da 20 studenti del Corso Triennale di Fotografia della Fondazione Studio Marangoni. Ieri sera la mostra presentando una selezione dei oltre 500 ritratti scattati durante il festival è stata inaugurata allo Zap di Firenze.

Già salendo allo spazio espositivo, nella gabbia delle scale, il visitatore della mostra trova le prime immagini: un uomo che saluta additando direttamente all’obiettivo, una donna che porta un vestito da sposa, la testa truccata come teschio. Poi, raggiunto il secondo piano si presenta la maggioranza dei lavori che fanno capire l’importanza del look del pubblico all’happening: occhiali da sole, piercing, capelli lunghi, la maglietta di band come Nirvana o Foo Fighters, ma anche corpi nudi che lasciano vedere tatuaggi, e spesso centrale anche la mano talvolta portando una birra, talvolta facendo il gesto delle corna, il simbolo della pace o il semplice pollice in su. Le immagini che rendono per una volta protagonista non le star, ma il pubblico di Firenze Rocks, mostrano allora soprattutto una cosa: un’umanità variegata e divertita unita da una passione comune, il rock.

Il progetto è stato “un’esperienza indimenticabile’’ per gli studenti. I quattro giorni intensi sotto il cielo della Visarno Arena gli hanno permesso di impegnarsi a documentare il festival e i suoi soggetti in tempo reale presso lo stand Marangoni presente al festival. Assistiti dagli insegnanti hanno esperimentato con tecniche miste di illuminazione combinando luce artificiale e luce naturale e creando così effetti molto particolari.

La mostra è visitabile gratuitamente fino all’8 febbraio, nei seguenti orari: dal martedì al sabato dalle 9 alle 23, lunedì dalle 9 alle 19, domenica dalle 9 alle 15.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »