energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Federalberghi, il presidente Bechi: “Ripensare l’accoglienza” Breaking news, Cronaca

Firenze – Il presidente di Federalberghi Firenze, Francesco Bechi, plaude alle parole del direttore del Museo degli Uffizi Eike Schmidt, evidenziando come il problema per Firenze non sia certo il turismo, che è anzi un fattore di sviluppo economico essenziale, ma la sua gestione.

“Ripensare il modello dell’accoglienza, compiendo delle scelte coraggiose di indirizzo e di regolamentazione, ma anche potenziando i servizi per migliorare la vivibilità urbana. Il direttore degli Uffizi Eike Schmidt si è inserito nell’ormai ampio confronto aperto sul tema della gestione dei flussi turistici, operando un ragionamento ineccepibile e dimostrando anche una ottima conoscenza di quello che accade in città – dice Bechi – è da tempo che come Federalberghi auspichiamo una maggiore programmazione dei flussi e l’idea di riservare l’ingresso ai musei su prenotazione è solo uno dei passi da compiere in questa direzione. Così come un passo essenziale è un diverso sistema di controllo del mercato degli affitti turistici fatti da privati, che il Comune ha a dire il vero ha provato a contenere, ma che dopo il calo dell’offerta conseguente alla fase critica del Covid appare destinato a ripopolarsi, forse più di prima. Senza considerare il fatto che una città così densamente visitata non può contare su un sistema di infopoint così limitato e su servizi pubblici che ormai appaiono insufficienti, a cui non possono supplire i bar, un problema annoso che continuiamo a scontare”.

Le difficoltà per cercare di intervenire sono evidenti,  “la conferma – prosegue Bechi – è che in tutte le grandi città d’arte a livello internazionale ci si pone lo stesso problema, ma non si può nemmeno rischiare di perdere visitatori perché non si fanno scelte precise. Soprattutto in un momento in cui Firenze appare destinazione molto richiesta, come conferma l’inserimento nella top mondiale di Lonely Planet, che andrebbe interpretata più come uno stimolo che come una posizione conseguita. Come ricettività alberghiera noi siamo sempre pronti a fare la nostra parte scommettendo sulla qualità del servizio e sull’accoglienza, che restano fattori essenziali per la crescita. Credo non si possa nemmeno eliminare del tutto il cosiddetto mordi e fuggi, che alimenta a suo modo una filiera turistica, ma è necessario alimentare un sistema di premialità per chi soggiorna nell’area metropolitana, visita i musei e quindi porta ricchezza”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »