energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Ferragosto: boom di visitatori nei musei del Polo Fiorentino Turismo

Un Ferragosto da incorniciare, almeno sotto il profilo degli accessi ai musei.
Si calcola che, a causa della crisi, solamente il 34% degli italiani si sia recato in vacanza. Tutti gli altri, la grande maggioranza, hanno affollato piscine, parchi e, per gite giornaliere, luoghi montani adiacenti le città, in cerca di refrigerio dall’insistente calura. Ma non solo, sono state tantissime le persone che hanno scelto di visitare i musei toscani, quest’anno eccezionalmente aperti gratuitamente anche il giorno di Ferragosto.
Quasi sessantacinquemila quelle che, tra il 14 e il 16 agosto, hanno visitato i musei del Polo Fiorentino: per l’esattezza sono stati staccati 64.603 biglietti, ovvero il 30,65% in più rispetto agli stessi tre giorni del 2011.
Si tratta di un dato eccezionale che fa ben sperare per il risultato finale di un anno non facile per il turismo, su cui pesa la gravità di una crisi senza precedenti. Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha infatti deciso di aprire il suo ricco patrimonio di musei, gallerie, monumenti, palazzi, ville, castelli, templi, parchi, giardini, aree e siti archeologici, necropoli e scavi anche in Toscana, protagonista di questa opportunità alla riscoperta della ricchezza culturale del nostro Paese.


Le città d’arte, come Firenze, “tirano” ancora e i parziali dei vari musei – che in molti casi ospitano le mostre temporanee di “Un anno ad arte”, programma di organizzato per il settimo anno consecutivo con sei esposizioni temporanee nei musei più illustri della città – lo dimostrano.
Nei tre giorni di mezz’agosto gli Uffizi hanno fatto registrare 24.043 visitatori, cioè il 28,99% in più rispetto al 2011, e praticamente il doppio rispetto al 2010, quando gli ingressi si fermarono a 12.435.
Ancora meglio hanno fatto la Galleria Palatina e la Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti che hanno incrementato del 61,72% i visitatori, così come la Galleria dell’Accademia che ha visto crescere del 36,21%i visitatori, passati da 11.176 del 2011 a 15.223 di quest’anno. Un ottimo successo hanno registrato anche le Cappelle Medicee (+176,40%), il Museo di San Marco (+24,01%) e il Museo Nazionale del Bargello (+15,28%).
Estremamente positivi anche i risultati di Palazzo Davanzati (+200,63%), dei cenacoli e delle ville medicee: Cerreto Guidi (+208,05%), Poggio a Caiano (+162,50%), Giardino di Castello (+73,15%), Petraia (+40,55%). 
Ma a chi è rimasto in città in questa caldissima estate, Firenze offre ancora interessanti opportunità. Il martedì le visite notturne, dalle 19 alle 22, alla Galleria dell’Accademia dove, sempre nell’ambito di “Un anno ad arte”, fino al 4 novembre è in corso la mostra “Arte torna arte” curata da Bruno Corà, Franca Falletti e Daria Filardo. Oppure al Museo del Bargello in cui, fino al 16 settembre, si può visitare “Fabulae pictae. Miti e storie nelle maioliche del Rinascimento”, curata da Marino Marini.
E per finire “Aperitivo ad arte”, una visita serale ad alcuni ambienti museali (la mostra “Fabulae pictae” e la Sala di Michelangelo e del Rinascimento) che include anche un aperitivo.

Giovanna Focardi Nicita

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »