energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Festa degli Angeli del bello: “cittadini del fare” contro sporcizia e degrado Cronaca

Gli Angeli del Bello chiamano e la città risponde. Due i punti d’incontro della fondazione nata nel settembre 2010 dalla collaborazione di Quadrifoglio Spa e Partners di Palazzo Strozzi per promuovere e coordinare azioni di volontariato volti a migliorare il decoro e la bellezza di Firenze. Riuniti in Piazza D’azeglio e alle Rampe di San Niccolò i volontari hanno dato vita alla consueta Festa degli Angeli, appuntamento annuale di sensibilizzazione al mantenimento del decoro cittadino ma anche concreta azione di restyling urbano. Oltre 50 le associazioni che nel tempo hanno aderito e più di 1000 i volontari che settimanalmente ripuliscono strade e giardini e cancellano i graffiti dai muri di Firenze in nome della lotta al degrado. Così anche la giornata di oggi, che ha visto decine e decine di volontari rifare il trucco alla città, chi passando una mano di vernice sulle scritte del Lungarno San Niccolò, chi dando una ripulita al sagrato di Sant’Ambrogio mentre, a pochi passi, la comunità islamica stava restituendo alla decenza il Giardino del Gratta in collaborazione con gli Angeli in pettorina arancione.

È la sinergia delle forze più disparate l’aspetto  più significativo dell’impegno della fondazione che è riuscita, nel giro di tre anni, a mettere fianco a fianco nani e giganti dell’associazionismo e dell’industria. Si va dalle comunità filippina e camerunense a Ferragamo e Gucci, dall’Università della California a Enel, la vera novità di quest’anno. “Il Gruppo Enel presta da sempre grande attenzione al territorio – ha dichiarato Giorgio Meduri, responsabile delle Relazioni Esterne dell’ente – e i nostri colleghi vivono con forte consapevolezza i problemi legati alla tutela dell’ambiente e della vivibilità urbana. È per questo che abbiamo raccolto l’invito lanciato dagli Angeli del Bello”. Tra gli obiettivi della fondazione vi è infatti anche quello di creare un dialogo con i grandi detentori di immobili o arredi urbani (spesso oggetto di vandalismo) per gettare le premesse di una collaborazione che, concretamente, veda il lavoro dei volontari realizzarsi grazie agli strumenti messi a disposizione dai partners maggiori. Scope e vernici hanno un costo, del resto. Per il momento l’invito degli Angeli del Bello è stato raccolto con successo e al Meeting sulla Bellezza della città organizzato lo scorso lunedì erano presenti, tra gli altri, RFI, Grandi Stazioni, la Telecom e la Silfi Spa.

È tuttavia sull’impegno dei singoli cittadini che ha fatto leva il sindaco Renzi, presente in Piazza D’Azeglio insieme a Cesare Prandelli, testimonial della fondazione. “Non parlate con me, parlate con i volontari. La città non è del sindaco o dell’amministrazione, ma dei cittadini. Una città è bella se il Comune dà una mano, ma soprattutto se le persone ne avvertono tutta la responsabilità. Concettualmente questa è una grossa novità, almeno in Italia, e scommette sul protagonismo dei cittadini, liberando le energie di tutti”.

La mano tesa dal Comune si chiama semplificazione e inasprimento delle sanzioni per chi sporca. Ne parlano Giorgio Moretti e Marco Bassilichi, presidente e vicepresidente degli Angeli del Bello. “Stiamo lavorando, grazie al sostegno dell’amministrazione e di giuristi e parlamentari, a una proposta di legge che si ponga due obiettivi: l’intensificazione delle pene per chi commette atti di vandalismo urbano e semplificazione delle autorizzazioni per poter procedere alla pulizia della città. La complessità, anche per associazioni come la nostra, è estremamente alta. È nostra intenzione mettere a punto un protocollo, che stiamo elaborando anche con la Sovrintendenza, che dovrebbe diventare un regolamento adattabile a livello nazionale. Se si arriva alla norma, tutto sarà più facile. Per adesso a Firenze abbiamo coinvolto organizzazioni importanti (come l’Ente cassa di Risparmio) che hanno “adottato” i propri quartieri, supportando gli Angeli del Bello con le spese per i materiali. Speriamo di replicare la cosa con altri soggetti privati che adottino pezzi di città da tenere in ordine, insieme al Comune”. Intanto, quattro sono i tavoli permanenti che periodicamente si riuniranno per discutere di deterrenza e prevenzione, regolamenti e norme, decoro e comunicazione.

La Festa degli Angeli è stata anche l’occasione per presentare il progetto di riqualificazione totale di Piazza D’Azeglio, un progetto da 380mila euro che interesserà anche le strade che le fanno anello. “Si tratta di un recupero di tutta la piazza – ha spiegato Caterina Biti, assessore alle Politiche del Territorio – che interesserà anche i vialetti e le piante. Verranno piantati nuovi alberi e sarà rifatto il campo di calcetto, che i cittadini chiedono da moltissimi anni. Si tratta di un campo di calcio a due per il Joga Bonito, in erba sintetica, circolare e recintato. Non è previsto alcun intervento di rilievo sul versante sicurezza, trattandosi di un’area tranquilla, da cui non vengono grosse segnalazioni”. Il progetto sarà realizzato anche grazie a fondi messi a disposizione dalla Vogue fashion Night.
Intanto, per chi volesse dare una mano occupandosi di decoro dei giardini o entrando a far parte del “Graphiti Kommando” i numeri giusti sono su www.angelidelbello.org.

Il servizio di Toscane Media Channeli

Print Friendly, PDF & Email

Translate »