energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Festambiente torna nella Piana metropolitana Cronaca

Firenze – Tre giornate dedicate ai territori toscani nell’ideale baricentro costituito dalla Piana metropolitana: torna l’appuntamento nazionale di Festambiente, ricalcando il format vincente dello scorso anno, vale a dire una parte convegnistica, un’offerta enogastronomica di alto livello, una sessione serale dedicata allo svago, agli spettacoli e alla cultura cinematografica. Oltre ad animazioni per bambini, degustazioni, novità, ristorazione bio ….

La seconda edizione di Festambiente della Piana si tiene anche quest’anno nella splendida cornice monumentale di Villa Montalvo, con il patrocinio della Regione Toscana e la collaborazione dell’Amministrazione Comunale di Campi Bisenzio. Il periodo è quello del primo week end di ottobre (venerdì 2, sabato 3 e domenica 4 ottobre). Connotandosi come un evento fortemente inserito nella cornice regionale, l’edizione 2015 si caratterizzerà molto più apertamente come la Festa di tutti i territori della Toscana, in cui la Piana si configura come metafora dell’intero patrimonio territoriale toscano.

Il festival che sarà dedicato alle tematiche ecologiche, sociali e culturali. Ed ecco la “mappa” delle tre giornate.

La prima giornata (venerdì 2 ottobre), si aprirà col taglio del nastro alla presenza delle Autorità, si caratterizzerà per l’impegno antimafia. Con la collaborazione di Libera e dei sui nodi territoriali. Sarà l’occasione buona per fare il punto sulle tante iniziative comuni contro la corruzione, le infiltrazioni mafiose e le pratiche di riciclaggio di denaro sporco che tanto minacciano anche la nostra civilissima Toscana.

La seconda giornata (sabato 3 ottobre) vedrà al centro il tema della crisi climatica, a partire proprio dalla sua manifestazione più visibile ed estrema, che è il dissesto idrogeologico. L’occasione sarà particolarmente interessante, dal momento che a partire da gennaio 2016 inizieranno le celebrazioni del 50° anniversario dell’alluvione di Firenze, la calamità “naturale” più importante della nostra Storia.

Domenica 4 ottobre, infine, gran finale all’insegna del cibo, dell’alimentazione e dell’agricoltura, come risposta positiva alla crisi economica. A un mese scarso dalla chiusura di Expo 2015, sarà anche un modo per fare il punto, alla nostra maniera, sulle buone pratiche “per nutrire il pianeta …”. Degustazioni di pane nostrano, il buon vino, la cultura della vendemmia, la tradizione toscana, con la bella e straordinaria collaborazione di Slow Food Toscana e delle sue condotte locali.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »