energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

L’energia intelligente spiegata al pubblico Ambiente, Società

Questi sono i principali temi, attualissimi, che la IV edizione del Festival dell'"energia spiegata", slogan e spirito della manifestazione fin dalla sua ideazione, intende disvelare e approfondire ai partecipanti. Talk show, convegni, incontri, spettacoli e libri, itineranti per il centro storico di Firenze, da venerdì 23 a domenica 25 settembre (vedi Luoghi e programma del festival).
Promosso e realizzato dall'Agenzia ricerche informazione e società (Aris) in partnership con FederUtility, con il patrocinio e la collaborazione di Regione Toscana, Provincia e Comune di Firenze, Università degli Studi di Firenze, il festival si proietta in una dimensione di dibattito internazionale attraverso collaborazioni con la Commissione Europea, le ambasciate di Francia, Olanda e Usa.
Filo conduttore della manifestazione, presentata lo scorso 9 settembre a Palazzo Vecchio a Firenze, è l'energia intelligente, come intelligenza della filiera energetica, dall'aprovvigionamento, alla distribuzione, al consumo, fino al recupero energetico. Razionalità nella scelta delle fonti e nella costruzione delle reti di fornitura, e saggia ricomposizione delle divergenze che interessano tanto la scala globale e internazionale quanto quella nazionale e regionale.

La manifestazione intende addentrarsi nelle questioni più urgenti e scottanti di questi giorni: autosufficienza energetica del paese, costi delle energie da fonti non rinnovabili, incentivi e agevolazioni alla filiere delle rinnovabili, energia nucleare e sicurezza, cambiamento climatico, qualità ambientale della mobilità, in particolare nelle aree metropolitane.

Protagonisti saranno istituzioni, scienziati, ricercatori, economisti, sociologi, project manager, giornalisti e comunicatori. Si incontreranno per discutere con il pubblico l'attualità e gli scenari, le criticità e le opportunità del mondo dell'energia. Compongono il comitato d'onore del Festival Guido Bortoni, Enzo Boschi, Margherita Hack, Luciano Maiani, Claude Mandil, Emma Marcegaglia, Chicco Testa, Umberto Veronesi. Molto partecipato il comitato scientifico che ha contribuito ad individuare i temi e ha proposto gli approcci per la trattazione delle specifiche tematiche. Ne fanno parte Alberto Tesi rettore Università degli studi di Firenze, Alberto Biancardi (Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas), Giampio Bracchi (fondazione Politecnico di Milano),  Massimo Beccarello (Università di Milano), Raffaele Chiulli (Safe, Sostenibilità Ambientale Fonti Energetiche),  Alessandro Clerici (Fast, Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche), Emilio Conti (Università Iulm di Milano), Sergio Garribba (Ministero dello Sviluppo Economico), Domenico Laforgia  (Università del Salento), Alessandro Marangoni (Università Commerciale Luigi Bocconi), Angelo Moreno, (Enea, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie e lo sviluppo sostenibile), Pippo Ranci Ortigosa (Università cattolica di Milano direttore della Florence School of Regulation), Paolo Saraceno (Inaf, Istituto Nazionale di Astronomia ed Astrofisica).

Ci sarà probabilmente molto da affrontare e spiegare al pubblico perché la più importante manifestazione italiana dedicata all'energia non poteva essere più attuale. Il disegno di legge di conversione del decreto-legge n. 138 del 13 agosto (manovra bis) va a toccare significativamente il settore energetico, ed in particolare le energie rinnovabili: confermata la Robin tax sulle rinnovabili, con un innalzamento del prelievo per le imprese del settore dal 6,5% al 10,5% nei prossimi tre anni. Molte le preoccupazioni e le critiche al provvedimento manifestate in questi giorni da esponenti del comparto, come il presidente di Enel Paolo Andrea Colombo e le associazioni delle energie rinnovabili (Aper e Anev).

Immagine: Rapporto rinnovabili 2010-2011, fonte Aper

Scheda_Festival_energia_luoghi_e_programma.pdf

Print Friendly, PDF & Email

Translate »