energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Festival d’Europa, la scenografia dei giovani Erasmus + Foto del giorno

Firenze – Al Festival d’Europa in corso a Firenze (6-10 maggio 2015) gli studenti che partecipano al programma europeo “Erasmus +” danno vita ad una grande scenografia, che è stata ripresa anche dall’alto: creano, disponendosi in file nella piazza di Santa Maria Novella, una grande E  e un grande +, appunto la sigla del programma europeo che li ha coinvolti ed entusiasmati. Le esperienze di un gruppo di tirocinanti italiani impegnati all’estero in percorsi di formazione professionale al centro dell’incontro “Crescere, Formarsi, Cooperare…”

Spazio alla formazione professionale con una carrellata di esperienze di tirocinanti che hanno dimostrato live, sul palco di Erasmus+Indire in piazza Santa Maria Novella, le abilità acquisite durante l’esperienza di mobilità in Europa con Erasmus +. Quale migliore occasione per farlo del Festival d’Europa di Firenze la cui organizazione vede coinvolti il Dipartimento Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’EUI, la Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, l’Ufficio di Informazione del Parlamento Europeo in Italia, il Consiglio d’Europa, la Regione Toscana, il Comune di Firenze, la Città Metropolitana di Firenze, l’Agenzia Erasmus+ Italia/INDIRE, l’Università degli Studi di Firenze, con il supporto dell’Agenzia Nazionale per i Giovani.

“Sono circa 430 gli insegnanti e gli alunni coinvolti – spiega la nota di Fondazione Sistema Toscana, coordinatore della realizzazione del Festival – in incontri di progetto e scambi in partnership internazionali con studenti e docenti di altri paesi d’Europa. Dall’inizio del programma Erasmus nel 1987 fino a tutto il 2013, gli universitari italiani coinvolti a livello europeo sono stati oltre 300mila. Ma ci sono anche tanti studenti europei che vengono in Italia. E la Toscana è un polo di attrazione importante con 1.713 studenti ospitati (70% studentesse), che arrivano da Spagna, Germania, Francia e Regno Unito”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »