energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Fiorentina 0-0 a Salonicco, le buone notizie vengono dai nuovi acquisti Sport

Firenze – Finisce con un pareggio a reti inviolate la prima partita della Fiorentina in Europa League contro il Paok di Salonicco. Una partita non esaltante da parte degli undici gigliati, complice anche un ambiente di casa caldissimo, con i tifosi greci unica vera attrazione della serata. Risultato tutto sommato giusto, pochi tiri in porta da ambo le parti e pochi sussulti, con la squadra di Sousa ben messa in fase difensiva, rischiando solo in un paio di occasioni sul finale, ma che non è riuscita a tessere trame di gioco offenisvo degne di nota.

E dire che l’allenatore lusitano, viste le difficoltà palesate in fase realizzativa nelle prime due uscite e mezzo della stagione (Juventus, Chievo e i 30′ col Genoa) ha schierato un modulo a due punte, affiancando Babacar al titolarissimo Kalinic, con Ilicic a supporto. Il cambio tattico non ha sortito del tutto l’effetto sperato, facendo però intravedere qualcosa di buono sopratutto nell’atteggiamento di Babacar, più che propositivo e protagonista delle uniche due occasioni viola.

Per il resto se in tre partite sono stati segnati due gol qualche dubbio rimane sull’approccio tattico di questo inizio di stagione. La Fiorentina infatti ha difficoltà bel creare gioco, seguendo una manovra lenta e dando l’impressione in certi momenti di non vere ben chiaro come muoversi in campo all’unisono. E contro una squadra come il Paok, assolutamente mediocre sia nei singoli che nel gioco, era lecito aspettarsi qualcosa di più dai gigliati anche in vista del prossimo big match di domenica sera contro la Roma. Note positive i nuovi acquisti partiti titolari: Oliveira ha bel figurato sulla fascia sinistra, mostrando un buon piede mentre Salcedo ha giocato da terzo centrale con Gonzalo e Astori disimpegnandosi più che bene.

Migliore in campo senza dubbio Badelj, straordinario nel recuperare palloni e nel far ripartire l’azione mentre Borja è rimasto un po troppo in ombra. Preoccupa invece, come troppo spesso capita, Tomovic che nel primo tempo sbaglia in assist facilissimo per Kalinic che lo avrebbe messo in porta e nel secondo tempo va in difficoltà sugli attacchi greci rischiando di regalare il vantaggio ai padroni di casa.

Sousa si dice soddisfatto della prestazione:”Sono contento per la partita che abbiamo fatto contro una squadra organizzata molto bene, brava nelle ripartente sia a centrocampo, in uno stadio infuocato. Tomovic ha giocato a destra per aiutare Salcedo nell’integrazione e devo dire che ha fatto molto bene. Nenad sa giocare bene anche come terzino e sa crossare arrivando più avanti in campo: sono contento anche della prestazione di Tomovic. Babacar-Kalinic? Stiamo lavorando da tempo a questa soluzione, già da Moena. La squadra è interpretato bene la partita. Badelj sta crescendo tantissimo, è un giocatore influente per il nostro gioco e la squadra lo sente”. Parole invece che sanno di tiratina d’orecchie per la stellina viola, Bernardeschi: “È arrivato per ultimo, lo vedo ancora un po’ confuso. Spero che abbia sempre le idee chiare e lo dovrà fare il prima possibile, perché abbiamo bisogno di lui. Dobbiamo aiutarlo. Stiamo lavorando affinchè sia sempre chiaro quello che fa, dentro e fuori dal campo.”

Anch Babacar analizza la gara:” Nessun gol nonostante le tante occasioni create? Ogni tanto non gira, ma quando gira possiamo segnare almeno due o tre gol a partita. Mi trovo bene in coppia con Kalinic, il mister sta lavorando per farci giocare insieme. Dobbiamo imparare a conoscerci meglio, possiamo fare bene in futuro”.

Adesso testa alla gara contro la Roma, partita fondamentale per dare finalmente una direzione positiva ad una stagione iniziata con poco entusiasmo.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »