energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Fiorentina con il cuore si salva al Franchi, 1-1 con il Verona Sport

Un disastro nel primo tempo, una Fiorentina che con il cuore e un assalto alla baionetta riesce a evitare una nuova sconfitta al Franchi. Un pareggio prezioso in chiave salvezza che però non può nascondere le tante lacune della Viola. A cui  tenta di rispondere Iachini che schiera al Franchi contro l’ Hellas Verona fin da primo minuto Igor e un attacco inedito con Sottil, Ribery e Kouame. Chiesa e Caceres  in panchina. Novità che non impressionano il Verona fin da subito proiettato con disinvoltura in avanti, con frequenti scambi che vedono gli ospiti guadagnare angoli su angoli. Molto più approssimativi i viola che non brillano per lucidità e che si addormentano al 17’ quando Amrabat serve con il goniometro Faraoni che penetra  in verticale a centro area e che in mezza rovesciata insacca alle spalle di Dragowski.

Un gol  che non scuote i viola, che continuano a subire la  pressione alta del Verona, che non costruiscono gioco, che si aggrappano a un Ribery sempre più scoraggiato quando cerca un punto di riferimento per un’azione incisiva e non lo trova. Solo due tentativi da fuori area di Kouame e Castrovilli, ambedue abbondantemente sopra la traversa, sono gli squilli della Viola intimorita dal vocione di Juric e da avversari che non si fermano mai.

Nella ripresa entrano Chiesa per Sottil e Cutrone per Ribery ma la musica non cambia soprattutto quando la Fiorentina deve ripartire in velocità e invece si perde e si confonde. Così come si confonde l’arbitro Chiffi quando non giudica da rigore un tocco con il braccio di Pessina su colpo di testa di Igor. La spinta viola  però cresce di intensità, di carattere e Juric sostituisce Kambulla  con Zaccagni e Lazovic  con Verre, Dimarco  con Adjapong e Di Carmine con Stepinski ma il Verona rischia di capitolare al 67’ quando Cutrone non riesce a inzuccare un cross  di Lirola a pochi passi dalla  porta. Ci riesce al 76’ Pezzella ma la sua conclusione è alta. Iachini all’80’ tenta la carta Vlahovic al posto di Lirola sbilanciandosi in avanti e Veloso all’ 85’ sfiora il palo. Ora la partita è apertissima con Adjapong che sfiora il raddoppio. Risponde Castrovilli con un bel diagonale, poi Cutrone cade dopo un contrasto in area, ancora Adjapong sbaglia solo davanti al portiere, e a tempo scaduto, nell’ultimo disperato assalto è Cutrone a realizzare dopo un prezioso assist di un volenteroso e basta Chiesa, il gol del pareggio.

 

Fiorentina – Hellas Verona 1-1

FIORENTINA: Dragowksi; Milenkovic, Pezzella, Igor; Lirola, Pulgar, Castrovilli, Dalbert; Sottil, Kouame, Ribery. All. Iachini.

HELLAS VERONA: Silvestri; Rhamani, Gunter, Kumbulla, Dimarco; Faraoni, Amrabat, Veloso, Lazovic; Pessina, Di Carmine. All.

Arbitro: Chiffi coad. da Meli- Pagliardini, IV uomo Diosini, Var Di Paolo – Carbone

Reti: al 17’ Amrabat, al 95’ Cutrone

Print Friendly, PDF & Email

Translate »