energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Fiorentina, con la Juve sconfitta meritata che non fa male Sport

Firenze – “Orgoglioso dei miei”. Parole di Paulo Sousa al termine dei 90′ che hanno visto la Fiorentina cadere sul campo dello Juventus Stadium per 3-1 dopo una partita equilibrata. Ma nel calcio conta la fame e l’intensità che si mette in campo e la Juventus di questa sera ha dimostrato di essere tornata quella dell’anno passato: solida, aggressiva e cinica. Tre aggettivi che la Fiorentina dovrà fare suoi in que percorso di crescita di cui Sousa parla da quest’estate, colmando il gap con le grandi abitutate per tradizione a giocarsi partite importanti. Perchè stasera la squadra viola ha dimostrato di essere ben messa in campo e di potersela giocare a viso aperto, ma esce meritatamente sconfitta dalla squadra probabilmente più forte e temibile del campionato. Se poi si vanno a vedere i ricambi a disposizione, viene quasi ovvio pensare che a questo punto della stagione, quando la stanchezza inizia a farsi sentire, avere una panchina lunga e di qualità diventa fondamentale. E in questo la Fiorentina paga nei confronti con le altre grandi tutte con rose più complete.

Peccato perchè i viola erano partiti fortissimo con Bernardeschi abile a prendersi un calcio di rigore dopo 84″, realizzato da Ilicic. Vantaggio che dura pochi minuti, quando Quadrado tenta una torre di testa in area ed indirizza senza volere il pallone all’incrocio dei pali. Uno a uno e tutto da rifare per Kalinic e compagni. Fino all’84esimo la gara prosegue con pochi sussulti, con la Fiorentina che fa girare palla e una Juventus che tenta qualche ripartenza. Poi il guizzo di Mandzukic, abile a ribadire in rete una respinta non perfetta di Tatarusanu, in serata non positiva. Il 3-1 finale di Dybala su errore di Astori è eccessivo, ma sottolinea come di fronte a squadre del calibro della Juventus non puoi permetterti indecisioni.

Sousa analizza così la gara : “Abbiamo trovato una Juve che ha provato sempre a pressarci alti. I ragazzi sono stati bravi a controllare il gioco ma quando trovi una grande qualità difensiva incontri difficoltà.  Nell’ultima parte non abbiamo concluso molto, abbiamo tirato poco anche perché abbiamo trovato tre centrali sempre in copertura. Giocare in questo stadio con questa personalità non è facile. Dobbiamo vedere chi abbiamo di fronte e dove siamo noi. Abbiamo giocato con tutta la qualità che avevamo, ma abbiamo incontrato una squadra con grande solidità. Son contento e fiero e mi sono divertito vedere giocare qui la mia squadra. La Juve è la squadra più matura che abbiamo incontrato

 Infine una battuta:” Ritorno alla Juve da allenatore? Sono contento dove sono, sono concentrato sulla Fiorentina, stiamo facendo bene e ci siamo divertendo”.

Anche il ds Pradè elogia tutti i ragazzi:” Un ulteriore prova da grande squadra, sono deluso per il risultato ma c’è la convinzione che siamo forti. La Juventus è una squadra esperta, abbiamo dominato dal punto di vista del possesso, ma il calcio è questo. Il mister ha le sue convinzioni, è duro da dire dopo una sconfitta ma siamo contenti così. Abbiamo grandi aspettative, la squadra sa bene cosa fare in campo. Non è facile venire qui a Torino ed imporsi contro la Juventus.”.

Capitan Gonzalo è amareggiato :”Non meritavamo questo risultato, abbiamo fatto una grande partita contro una grande squadra. Noi  dobbiamo migliorare e pensare alla prossima partita. Non siamo una squadra fortissima ma abbiamo la nostra idea di gioco.  Stiamo benissimo, abbiamo anche grandi riserve”.

Adesso testa alla Coppa Italia di giovedì contro il Carpi, in una competizione che i viola vogliono tornare a vincere dopo la delusione di due anni fa col Napoli. Sarà una possibilità per alcuni giocatori di recuperare un po’ la forma come Pepito Rossi, che ha dato segnali di ripresa in Europa League. Poi tornerà il campionato, sfida in casa contro il Chievo Verona, squadra ostica e vittoriosa oggi pomeriggio contro la sorprendente Atalanta.

Tre punti necessari per rimanere nelle zone nobili della classifica.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »