energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Fiorentina: contro la Juve in campo “ambizione e coraggio” Sport

Firenze – Sfida scudetto. Contro la Juventus allo Stadium i viola si giocheranno una fetta importante del proprio campionato che potrà dare uno slancio decisivo verso sogni di gloria. Era da tanto che a Firenze non si sentivano pronunciare queste parole. Eppure quest’anno non c’è paura di pronunciarle, a partire dai giocatori, dal tecnico ” vogliamo essere protagonisti per vincere. Con la continuità possiamo sognare di arrivare a questo traguardo e non mi sono mai nascosto davanti ai miei giocatori per cercare di arrivare a questo obiettivo”  e da una città intera che sogna in grande con una squadra che in partenza sembrava destinata ad un campionato da mezza classifica e che adesso è in lotta per il titolo di campione d’inverno.

L’ultima volta fu con Trapattoni in panchina, speriamo che a questo giro il finale sia diverso. La sfida con i bianconeri arriva nel momento migliore della squadra di Allegri, partita malissimo ma ritornata ai ritmi dello scorso anno grazie ad un Dybala formato Tevez e ad un equilibrio difensivo ritrovato con il trio Barzagli-Bonucci-Chiellini. La Fiorentina arriva invece in un momento di leggera flessione, sopratutto dal punto di vista fisico causa una rosa ristretta che a gennaio vedrà l’inserimento di nuove leve come promesso da Andrea Della Valle.

E che la partita sia importantissima lo si era capito dalle parole di Allegri dopo la sconfitta in Champions contro il Sevilla:”Per me è più importante la partita con i viola”. Anche Sousa sente la partita, anche se cerca di mantenere gli animi concentrati: “Sarà una gara molto difficile perché la Juve è una squadra in forma. Hanno trovato un nuovo modulo con cui difendere molto bene. Dovremo essere ad un livello molto alto in campo per reggere la partita che sarà equilibrata. La storia e la cultura della Juve sono le sue armi di forza: adesso in campionato hanno trovato il loro consueto livello dopo le prime difficoltà. Noi stiamo facendo benissimo, siamo consapevoli della nostre potenzialità. Dobbiamo mettere in campo ambizione e coraggio, per cercare di vincere la partita”.

Sousa crede fortemente di poter fare risultato, parlando apertamente di una partita da giocare alla pari, senza paura e con la voglia di vincere, puntando su le armi specifiche dei viola: “”Il mio primo pensiero è essere protagonista della partita, consapevoli delle nostre capacità e cercare di vincere dal 1′ all’ultimo minuto. Dovremo essere brillanti di testa e molto carichi di cuore. La concentrazione sarà un altro elemento fondamentale. I risultati fin’ora sono stati frutto di una questione di dettagli e di  decisioni determinanti prese in certi momenti di una partita. Gli equilibri sono fondamentali “.

Intanto la Fiorentina può giocare su due risultati, visti il vantaggio di 5 punti che costringono la Juventus a vincere per forza la partita. Una sconfitta per loro vorrebbe dire rinunciare probabilmente allo scudetto: “Loro non saranno sotto pressione, per una cultura interna che non li mette sotto pressione. Sono consapevoli della loro grandezza. Chi rincorre senza risultati va in difficoltà ma la Juve ora sta facendo bene. Non troveremo una Juve in difficoltà, ma in salute. Era meglio affrontarla prima ma sarà comunque una partita bellissima”.

Per Sousa intanto sarà una serata particolare, tornando per la prima volta a Torino da allenatore:”“Io ho sempre avuto molto rispetto quando son tornato a Torino. Mi sono sempre comportato da professionista. Rivedere luoghi e persone che non vedevo da tempo mi ha fatto sempre piacere. Se rispetti gli altri, ti senti rispettato: questo mi ha insegnato mio padre”.

E sulla possibilità di allenare i bianconeri il tecnico lusitano risponde saggiamente: “Non ho mai pensato ad una squadra specifica, io sono felice di quello che la vita mi sta dando. La vita mi dà l’opportunità di affrontare squadre che mi fanno crescere. Io sono contento di essere a Firenze e di dare tutto quello che ho per dare la gioia dei tifosi”.

E a proposito di tifosi, saranno in 2000 allo Stadium a sostenere i viola in una serata che speriamo tutti essere indimenticabile.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »