energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Fiorentina: Gilardino story e la voglia di vincere a Marassi Sport

Firenze – Ieri è stato il giorno della presentazione di Alberto Gilardino che riabbraccia Firenze e la sua Fiorentina come uno di quegli amori che non finiscono mai. L’attaccante ha un sogno nel cassetto riuscire ad arrivare a quota 60 gol con questa maglia. Ha scelto la maglia numero 9 e tanta voglia di rimettersi in gioco.  Su cosa è cambiato rispetto a tre anni fa: “Tre anni fa era giusto cambiare perché era finito un ciclo per me ed altri giocaotri. Torno qui con grande entusiasmo e determinazione, affronto questa avventura come se fosse il mio primo giorno. Come società ho visto dei grandi cambiamenti a livello societario e di centro sportivo: i “campini” sono all’avanguardia, di prim’ordine. Sia un giovane che un maturo può migliorare e giocare ed altissimi livelli in questo centro sportivo”.

Su quanto è cresciuto lui: “Ogni esperienza matura l’uomo, mi sento ancora molto giovane e bene fisicamente: ho visto la Fiorentina in questi mesi, gioca un grande calcio. Mi ha entusiasmato tornare qui per la passione ed il bel gioco che si vede”. Su Gomez: “Sono contento per lui e per i suoi gol: è da quattro giorno che mi alleno con la squadra, in questi mesi mi sono sempre allenato da solo con un preparatore ma fisicamente mi sento bene, vorrei ritagliarmi uno spazio in questa Fiorentina per essere determinante quando il mister mi chiamerà”.

Sulla concorrenza: “La concorrenza può fare solo bene alla squadra, queste sono cose indispensabili. E’ giusto che la Fiorentina abbia grandi giocatori in tutti i reparti. Da parte mia ci sarà la massima disponibilità”. Su Firenze come scelta di vita: “In questo mercato ho avuto delle proposte, negli ultimi giorni è uscita la Fiorentina e non c’ho pensato un attimo, ho detto subito di sì. Per me Firenze rappresenta una grande sfida, la Cina è stata un’esperienza diversa. Mi sento carico e motivato, per me questi sei mesi potrebbero aprirmi scenari per il futuro. A vita a Firenze? Vediamo a giugno…”

Sull’esperienza in Cina: “E’ stata un’esperienza diversa, sono arrivato lì a luglio e giocare quelle temperature è davvero difficile: c’è vuoluto un mese prima che mi abituassi. E’ stata un’avventura bella per me e la mia famiglia, sono stati mesi intensi e veloci”. Sulla “luce spenta” nella sua prima avventura: “Non mi piace parlare in questi termini del passato, chi mi vuol bene sa cosa ho fatto per questa maglia in numeri. Voglio ripartre da qui, non dalle parole. Devo lavorare duro adesso”. Su un suo futuro in società: “Per ora penso a fare il giocatore, ho voglia di giocare ancora a lungo”.

Sulla sfida col Genoa: “E’ appena 3 giorni che mi alleno con la squadra, io cerco di lavorare per trovare la condizione fisica ottimale. Ho visto una grande Fiorentina con la Roma, nel secondo tempo ha tenuto bene contro una big. A Genova dobbiamo fare una grande gara  e fare punti importanti”. Su ADV: “Lo ringrazio perché lui assieme al mister ha voluto darmi questa possibilità, per me è qualcosa di eccezionale”. Su Babacar: “E’ cresciuto tantissimo, l’anno a Modena gli ha fatto bene: ce lo teniamo stretto, è un’arma in più per questa Fiorentina”. Sulla Nazionale: “Adesso devo pensare a ricomonciare a giocare, poi quando uno fa bene nel club fa bene tutto di conseguenza”. Su Cuadrado: “Juan è un grande giocartore, sa fare sicuramente la differenza e sarei felice di giocare con lui. Ho avuto l’opportunità di rivedere anche Alino, che è un mio amico e anche un grande giocatore”.

Nel frattempo Montella prepara la formazione per la trasferta di sabato a Marassi alle ore 18 contro il Genoa. Gara importante per le ambizioni in classifica di questa Fiorentina. Che si trova a meno 5 punti di distanza dal Napoli e quindi al terzo posto. Ci sono due buone notizie: Aquilani sta bene ed e’ tornato ad allenarsi in gruppo, dopo la fastidiosa tendinopatia achillea. Sara’ lui il sostituto naturale di David Pizzarro fermo per un turno di squalifica contro la squadra di Gasperini. I tempi per Milan Badelj, fermo per una contusione rotulea, sembrano andare per le lunghe. Il centrocampista croato non e’ ancora tornato a lavorare col gruppo e a tre giorni dalla gara sembra improbabile un suo recupero. Senza Pizzarro le alternative altrimenti sono Varagas e Kurtic, che pero’ non ha molto convinto nello scorso match di campionato. I dubbi di formazione riguardano soprattutto il centrocampo anche se per Joaquin c’e’ stata, subito dopo la gara con la Roma, apprensione uscito dal campo un po’ affaticato. Dovrebbe farcela, ma soltanto l’allenamento di domani potra’ dare le ultime risposte definitive. L’alternativa e’ Cuadrado al suo posto, con l’inserimento di uno tra Babacar e Dimanti vicino a Gomez. Potrebbe essere la volta buona per provare i due centravanti insieme. E non dimentichiamoci di Alberto Gilardino.

Presenti all’allenamento di ieri i due uomini di mercato Prade’ e Macia intenti a sbrigare le ultime “pratiche” sul finale di mercato. Cuadrado ne fa da padrone, come sempre aggiungiamo noi, ed ecco che il Chelsea affonda e l’Atletico Madrid ci prova. Chi paghera’ la sontuosa clausola rescissoria di 35 milioni? Il nodo Cuadrado si risolvera’ adesso o nella sessione estiva? La Fiorentina e Montella hanno ribadito in piu’ riprese l’incedibilita’ del giocatore, ma davanti all’arrivo di cotanta somma la risposta potrebbe essere si. In sostituzione al giocatore si parla di Baselli dell’Atalanta e di Ocampos del Monaco.

Per Ilicic intensi incontri di mercato dei ds, si gioca il tutto e per tutto per far accettare al giocatore la proposta del club rossoblu, 6 milioni e scendere in B, lui preferirebbe il Torino ma la Fiorentina non sembra accettare le condizoni economiche del club di Ventura.

Per non parlare dei restanti in rosa, che ne conta 37 inclusi i ragazzi della Primavera. Tolti Marin al Chelsea e Brillante all’Empoli ecco che spuntano fuori i nomi di Yakovenko che non ha mercato, su Lazzari forte il pressing dello Spezia, per El Hamdaoui si parla di Cagliari, Hegazy possibile partente in direzione Perugia. E dulcis in fuondo Neto, non se ne parla piu’, ma per il portiere basiliano si dovra’ attendere la fine della stagione per andare gratis alla Juve dal primo di Luglio.

Foto: www.sport.sky.it

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »