energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Fiorentina ospita l’Atalanta. Sousa: “Ai tifosi fa bene sognare” Sport

Firenze – Piedi per terra. E’ questo il motto che gira intorno alla Fiorentina dopo la straordinaria striscia di successi di questo inizio di stagione. Perché sei vittorie in otto gare era da tanto che non si vedevano all’ombra di Palazzo Vecchio e l’entusiasmo che vive la città, parlando addirittura di scudetto, può essere arma a doppio taglio per la squadra viola.

L’inizio di stagione travagliato, con le critiche feroci dei tifosi per un mercato considerato fallimentare e un rapporto con la società oramai rovinato, è ormai un lontano ricordo grazie ad una squadra che sta convincendo tutti. Ma si sa, Firenze è così: viscerale e un po’ provinciale, basta poco per entusiasmarsi o per deprimersi. Adesso l’ambiente viola sta passando un idillio con i suoi sostenitori e stasera il Franchi sarà gremito da 30.000 tifosi pronti a sostenere la squadra in una partita da considerarsi molto difficile, contro un Atalanta in grandissimo spolvero.

La squadra di Reja infatti veleggia nelle parti nobili della classifica con 11 punti, a sole 4 lunghezze dai viola, ha una difesa granitica e giocatori che possono cambiare il match in qualunque istante come Gomez e Denis. Per fortuna di Sousa non c’è Pinilla, infortunato, che con i viola si è sempre scatenato a suon di gol. Nei viola invece tornerà ad occupare il ruolo di attaccante bomber Kalinic, mattatore nella serata contro l’Inter a San Siro con una tripletta che sta facendo sognare i tifosi viola.

Il croato infatti ha dimostrato di essere giocatore utile alla squadra grazie al continuo movimento senza palla e alla capacità realizzativa, oltre ad una esperienza che gli ha permesso di portare alle due espulsioni di Ely contro il Milan e Miranda contro l’Inter. Insieme a lui ci sarà un ritrovato Ilicic che, dimenticati i fischi dello scorso anno, si sta imponendo come punto fermo della squadra. Ma Sousa ha fiducia in tutto il suo gruppo e commenta così la partita “E’ una gara molto difficile, il mio collega Reja sta facendo un ottimo lavoro, hanno perso solo la prima partita contro l’Inter e vengono da due vittorie consecutive.

E’ già difficile lavorare strategicamente ogni partita, figuriamoci dopo aver giocato giovedì e avere soltanto 2 giorni per prepararci. Senza sperimentare è molto difficile lavorare su una partita, a maggior ragione se il nostro avversario invece ha avuto una settimana intera. Siamo in un momento molto positivo e vogliamo dargli continuità”. Sugli avversari le idee sono molto chiare: “L’Atalanta è una squadra solida, ha subito pochissimi gol, riesce a vincere le partite alla fine: ha molto carattere e voglia di fare bene, ha anche giocatori importanti che possano condizionare la partita. Dobbiamo essere super attenti”.

I tifosi però scalpitano e sognano un’altra vittoria che renderebbe l’inizio di campionato storico per i viola: I tifosi sognano lo scudetto? Sognare fa molto bene, abbiamo una strada da percorrere molto difficile, i tifosi sono molto importanti per noi, per questo devono avere anche una cultura del vincere. Insieme arriveremo alla maturità che ci permetterà di essere sempre più forti”.

E prosegue “L’entusiasmo deve essere sempre equilibrato, per questo il modo migliore è concentrarsi su noi stessi per cercare la chiarezza su ogni decisione e cercare la concentrazione per fare la partita al nostro miglior livello. Dobbiamo rispettare la nostra identità comune”. Occhi quindi puntati sui suoi ragazzi che stanno crescendo di partita in partita: “Io credo molto in quello che faccio, quando abbiamo poi la percezione giusta che i nostri ragazzi abbiano recepito quello che insegniamo allora stiamo facendo un grande lavoro.. Cerchiamo di portare avanti la nostra preparazione, di cercare di anticipare ogni decisione che viene presa in campo, ovvero mi piace molto lavorare sulla comunicazione interna tra i giocatori. Abbiamo migliorato molto e ci sono molti margini.  Spero di continuare su questa strada”.

Formazione come sempre da decifrare con Roncaglia in forse: “Roncaglia ha fatto tutto l’allenamento, vediamo la sua reazione nelle prossime 24 ore: se non ha problemi sicuramente sarà con noi domani, anche perchè ci serve la sua tenacia “. Chi non sarà in campo da subito ma sta dando risposte positive, come il gol in Europa League, è Pepito Rossi: “Sono molto contento del lavoro che sta facendo, c’è anche la parte emozionale e non solo quella fisica da recuperare. Per questo credo che il gol gli abbia fatto bene”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »